Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ruba piante da vivaio, arrestato impiegato incensurato

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Un impiegato italiano di 40 anni, incensurato, residente a Città di Castello, è stato arrestato dai carabinieri della compagnia tifernate. I proprietari di un vivaio della zona si erano accorti che da un po' di tempo le piante poste all'interno della recinzione erano sempre meno. Il sospetto dunque che, di notte, qualcuno le rubasse, è divenuto in poco tempo una certezza. Gli stessi proprietari hanno quindi deciso di effettuare un vero e proprio appostamento. Verso le 4 di sabato 24 gennaio i titolari hanno notato un uomo oltrepassare la recinzione, appropriarsi di due piante e dirigersi verso il furgone con il quale era arrivato. Dopo aver richiesto l'intervento dei carabinieri, sono usciti allo scoperto e lo hanno fermato. Sul posto si è immediatamente portata una pattuglia dell'aliquota radiomobile, che ha preso in consegna il ladro dal pollice verde. Le indagini dei militari hanno permesso di ritrovare circa 70 piante, tutte rubate dall'uomo presso lo stesso vivaio. Erano già state piantate in un giardino di pertinenza dell'abitazione del quarantenne, tra l'altro non molto distante dal luogo del furto. Le piante sono state immediatamente riconsegnate ai proprietari. Il ladro giardiniere non ha potuto far altro che ammettere le proprie responsabilità. E' stato arrestato con l'accusa di furto. L'autorità giudiziaria ha successivamente convalidato il provvedimento e, considerato lo stato di incensuratezza, ha rimesso in libertà l'uomo.