Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Boom degli adescamenti on line di minori, super lavoro per la postale

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

Il compartimento della polizia postale dell'Umbria ha tracciato il bilancio delle attività svolte nel corso del 2014. Occhi puntati soprattutto sul fenomeno della pedopornografia on line, con un aumento sensibile delle denunce ricevute per adescamento on line di minori, che nel 2014 sono state venti, mentre le persone denunciate per la commissione dello stesso reato sono state tre. In totale i siti monitorati sono stati 478. Due invece i casi di cyberbullismo trattati. Il 2014 ha segnato anche un considerevole incremento delle frodi informatiche realizzate attraverso l'accesso abusivo alle caselle di posta elettronica di aziende finalizzato ad acquisire il controllo e la lista dei contatti. Grazie alla partenership con Poste italiane e altri istituti di credito è stato possibile bloccare gran parte delle transazioni sospette con il recupero di un'elevatissima percentuale di somme sottratte. In questo ambito le denunce ricevute sono state 414, con sei arrestati e 21 denunciati. Cinque le segnalazioni per uso di internet per finalità discriminatorie ed eversive. Si tratta per lo più di segnalazioni di link con messaggi, video e foto discriminatori nei confronti delle minoranze. Numerose anche le truffe on line: presentate 347 denunce, con 71 persone denunciate e 12 spazi virtuali sequestrati. Anche i social network hanno dato un bel da fare agli agenti della postale: 123 le denuce per furto di identità  digitale con tre denunciati, 60 i casi di diffamazione on line e uno quello di cyberstalking.