Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, prete convince la rumena che vive e dorme nella stazione ferroviaria di Città di Castello ad andarsene

Felice Fedeli
  • a
  • a
  • a

Ore contante per la rumena che vive e dorme nella sala d'attesa della stazione di Città di Castello. Nella mattinata di venerdì 17 aprile è successo un fatto nuovo. Nella struttura di piazza della Repubblica è giunto un prete della chiesa cristiana ortodossa con una sua assistente, rumeni entrambi. Giunti appositamente per parlare con la loro connazionale, capire la vicenda e trovare una soluzione, come atto di bontà in vista della Pasqua ortodossa che si celebra domenica 19. Si sarebbero creati i presupposti affinchè la donna, che ha perso il suo lavoro, possa accettare un alloggio sociale in attesa di poter rientrare in Romania. Adesso causa Covid 19 non ci sono viaggi verso quel paese. Sulla vicenda duro botta e risposta tra gli esponenti tifernati della Lega e il sindaco, Luciano Bacchetta. SERVIZIO COMPLETO SUL CORRIERE DELL'UMBRIA DI SABATO 18 APRILE