Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, esce di casa e fa sesso con l'amante positiva. Poi porta il virus in famiglia

Pietro Paolo Savini
  • a
  • a
  • a

Il tradimento ai tempi del Coronavirus può costare caro. Soprattutto se uno dei due amanti è positivo. Ne sa qualcosa un anonimo padre di famiglia veneto che, non resistendo più alla tentazione di tornare tra le braccia dell'amante, ha pensato bene di violare il decreto anti-Covid ed è uscito di casa per fare sesso clandestinamente. Il problema è che l'amante era positiva e quando è tornato a casa il padre di famiglia fedifrago è finito per infettare il figlio di 13 anni. La notizia è stata riportata da Il Fatto Quotidiano che cita un'intervista rilasciata a Il Gazzettino dal direttore generale dell'Ulss di Rovigo, Antonio Fernando Compostella, che ha rivelato l'accaduto. "Si è trattato - ha spiegato Compostella - di “un caso positivo di alcuni giorni fa per il quale il Servizio igiene ha mappato i contatti, ma non sono state date tutte le informazioni: una parte dei contatti che la persona aveva avuto non erano stati infatti  riferiti”. “Il completamento della mappa - ha aggiunto il direttore generale dell'Ulss della città veneta - l’abbiamo avuto raccogliendo informazioni sulla famiglia del ragazzino che ci hanno permesso di metterle assieme con quelle che avevamo già e di capire che qualcuno non si è comportato in modo responsabile, dimenticando o omettendo, altri contatti che aveva avuto. Ci vuole responsabilità, non deve esserci alcuna ritrosia”, ha concluso. E chissà come l'anonimo padre di famiglia avrà spiegato la verità dei fatti alla consorte.