Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Omicidio Polizzi: in aula le ex di Valerio Menenti

Andrea Niccolini
  • a
  • a
  • a

Prosegue in corte di assise il processo a Valerio e a Riccardo Menenti per l'omicidio di Alessandro Polizzi e del ferimento di Julia Tosti. Giovedì 6 novembre sono state sentite tre ragazze che hanno frequentato Valerio prima e dopo della sua storia con Julia.  “Sapevo della situazione ancora un po' burrascosa con la sua ex, Julia, ma niente di più. Era burrascosa perché non si erano lasciati benissimo”. Così ha detto in aula una di loro, rispondendo alle domande del sostituto procuratore Gemma Miliani. La giovane, che usciva con il tatuatore nel periodo in cui è avvenuto l'omicidio, ha detto di aver saputo delle ruggini tra Valerio e Polizzi perché al primo aveva chiesto conto di una cicatrice sullo zigomo. “Già c'erano stati due episodi di aggressione e ho poi assistito al terzo fuori della discoteca”. “Eravamo io e Valerio. Siamo andati fuori a prendere un panino. Eravamo dal paninaro girati di spalle. Mi sono sentita catapultare una persona sopra e da lì è partita l'aggressione”. Secondo la teste, a iniziare sarebbe stato Polizzi, prima che arrivassero “altri due”. Si tratta dell'aggressione per cui Valerio fu ricoverato e sottoposto a intervento chirurgico. Un'altra ex di Valerio (il rapporto risale a circa sette anni fa), sentita dalla polizia il 28 marzo 2013, pur dicendo di non aver subito violenza fisica dal tatutatore (a parte l'episodio di un calcio alla schiena durante un litigio), ha confermato quanto detto all'epoca alla polizia giudiziaria, ossia che a un certo punto, quel giovane aveva rivelato “un carattere aggressivo”.