Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Shaboo, droga fuori controllo su internet

Dall'Oriente pericolo Shaboo

Maurizio Muccini
  • a
  • a
  • a

Hanno chiesto di parlare, i due giovani filippini finiti in carcere a Perugia dopo l'imboscata dei poliziotti vestiti da “corrieri”. Che, nei giorni scorsi, li avevano sorpresi mentre stavano prelevando dei pacchetti a loro destinati (da Milano) presso la sede di una società di spedizioni locale. Pacchetti contenenti la bellezza di mille dosi di Shaboo, pronte per essere piazzate sul mercato locale. Un nuovo e devastante prodotto sintetico e carissimo, dagli effetti allucinogeni, che crea una forte euforia e anche una forte dipendenza. E che molto spesso viene usato dai giovani alla ricerca di sballo nel sabato sera. E lunedì prossimo i due indagati (tra l'altro residenti da diversi anni anni a Perugia) verranno ascoltati dal giudice, alla presenza dei loro difensori (precisamente gli avvocati Antonio Cozza e Nicodemo Gentile). Che per l'occasione presenteranno istanza di scarcerazione. Ma questo fatto potrebbe legarsi ad un'altra operazione scattata qualche settimana prima sempre in città. Che aveva portato al fermo di un altro filippino, accusato di spacciare quella che viene definita a tutti gli effetti una metanfetamina purissima, capace di tenere svegli e iperattivi per tutta la notte, usata soprattutto nelle comunità orientali e più potente dell'abituale cocaina. E l'impressione è che questa pericolosissima droga abbia già preso piede nell'intera regione. Articolo completo nel Corriere dell'Umbria del 18 ottobre