Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Meredith, il legale di Guede: "Rudy libero tra 3 anni"

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

“Rudy già potrebbe avere i permessi premio e se riconosciuti i giorni di liberazione anticipata ogni semestre e gli altri benefici tra tre o quattro anni potrebbe uscire definitivamente”. L'avvocato Nicodemo Gentile è sicuro che la strategia processuale della difesa dell'ivoriano e i provvedimenti presi durante la detenzione sulla base del percorso di “rieducazione” seguito dal loro assistito saranno vincenti. Portando di fatto a dimezzare o quasi la pena. Rudi Hermann Guede, che ha optato per il rito abbreviato, è stato condannato per concorso in omicidio e violenza sessuale con sentenza della Corte di cassazione il 16 dicembre 2010. Sedici anni di carcere. Che potrebbero diventare la metà se uscisse nel 2017, secondo le previsioni di Gentile. Ad oggi Rudy è l'unico a pagare per l'orrendo delitto di Meredith Kercher (1 novembre 2007) pur essendo stato condannato per “concorso” in omicidio e violenza sessuale. Anzi dagli atti risulta come non sarebbe stato lui l'esecutore materiale del delitto, cioè colui che ha colpito con il coltello la gola della studentessa inglese. Amanda Knox e Raffaele Sollecito dopo l'annullamento delle condanne in Cassazione stanno affrontando, liberi, il processo bis. Rudy adesso lotta per ottenere tutti i giorni di riduzione della pena ammessi dalle normative. Al no del giudice di sorveglianza ad un ulteriore “sconto”, dalla cella del Mammagialla di Viterbo ha incaricato i suoi avvocati di presentare reclami e impegnative. Risultato: il tribunale di sorveglianza di Roma fissa l'udienza in camera di consiglio per il 10 ottobre. Da una parte infatti sono stati accolti altri 45 giorni in meno rispetto al periodo che gli è stato inflitto dalla corte d'assise d'appello, dall'altra sono stati negati i 30 giorni integrativi semestrali. Che vorrebbero dire ben due mesi l'anno. Per i suoi legali è “illegittimo, irragionevole nonché discriminatorio aver introdotto preclusioni insuperabili per i condannati per i reati ostativi”.