Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Non raccoglie gli escrementi dei suoi cani, un passante glieli spalma in faccia

Pietro Paolo Savini
  • a
  • a
  • a

di Pietro Paolo Savini Porta a spasso i suoi cani che lungo la via fanno i loro "bisogni". Poi si allontana senza raccoglierli. Un passante nota la scena, prende gli escrementi lasciati sulla strada, lo insegue, glieli spalma sulla faccia e poi se la dà a gambe. E' accaduto a Vicenza, nel quartiere di Sant'Andrea e ne dà notizia il 20 febbraio 2020 "Il Giornale di Vicenza". E a fare le spese dell'ignoto cittadino che non ha sopportato vedere insozzata la via è stato un ragazzino di 13 anni. Ora sua madre si è adirata: ha presentato denuncia contro ignoti. "La mamma del minore - riferisce infatti Il Giornale di Vicenza - ha presentato denuncia contro ignoti ai carabinieri per violenza privata, dopo che il figlio era rientrato a casa con la faccia lorda. I militari, con l'ausilio delle telecamere di sorveglianza, stanno cercando di risalire al responsabile".  "L'episodio - continua Il Giornale di Vicenza - è successo nei giorni scorsi. Un uomo, di circa 70 anni secondo le testimonianze del ragazzo, ha raccolto gli escrementi dei cani che il 13enne stava portando a passeggio in via Pizzocaro e, dopo aver raggiunto il padrone dell'animale glieli ha spalmati sulle guance. Il ragazzino, uscito con i suoi due cani, infatti, aveva continuato per la sua strada senza raccogliere le deiezioni, come previsto dal regolamento comunale oltre che dalle regole più basilari della buona educazione e della civile convivenza. Poco distante, però, si trovava un uomo a cui la scena non è sfuggita".  "Il passante - prosegue il quotidiano vicentino - , dopo aver raccolto gli escrementi, ha rincorso il minore fino in via Piccuti e lì, dopo averlo rimproverato, ha spalmato le deiezioni canine sulla faccia del 13enne. Il quale, tornato a casa con le guance sporche, ha raccontato tutto alla madre che è andata dai carabinieri a sporgere denuncia". Si ignora però se abbia anche sgridato suo figlio per il comportamento.