Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, portieri di quartiere a Fontivegge. Il Comune: "Non solo telecamere per la rinascita della zona"

alessandra Borghi
  • a
  • a
  • a

E' stato presentato nella mattina del 17 febbraio al Coworking di Fontivegge, a Perugia, il portierato di quartiere, servizio che inizierà da marzo. E' una delle iniziative che rientrano nel maxi progetto di riqualificazione che conta su 30 milioni, di cui 16 milioni assicurati dal bando statale per le periferie. "Il progetto è una misura che lavora sul versante sociale, non è un'alternativa a quelle già previste per la sicurezza, come le telecamere", è stato precisato dal sindaco Andrea Romizi, affiancato dal vice Gianluca Tuteri e dagli assessori all'urbanistica, Margherita Scoccia, e alla sicurezza, Luca Merli. Presenti esponenti del consorzio Auriga, che attua il progetto di portierato, e i tre portieri "senior", Elia, Roberta e Moreno, che avranno anche il compito di formarne altri dieci da selezionare con un bando. A breve saranno rese note le tre sedi in cui saranno dislocati i portieri tra Madonna Alta, Bellocchio e Fontivegge. Esponenti dei comitati del quartiere hanno chiesto di essere coinvolti e di avere contatti con i portieri.