Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, danni dei cinghiali in agricoltura: si potrà sparare mantenendo il diritto al rimborso

default_image

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

Emergenza cinghiali: dalla Regione Umbria arriva un primo importante passo in avanti per sostenere gli imprenditori agricoli. In caso di attacco, l'agricoltore dovrà rivolgersi all'Atc (Ambito territoriale di caccia) competente, il quale avrà non più 48 ore, ma solo 4, per poter intervenire; trascorso questo tempo l'agricoltore è autorizzato ad agire direttamente, sparando all'animale se munito di licenza di caccia, mantenendo ugualmente il diritto all'indennizzo dei danni causati. È la decisione comunicata dall'assessore regionale all'Agricoltura, Roberto Morroni, dopo la riunione della Consulta Faunistico Venatoria, lo scorso 5 febbraio, e che segna una prima battaglia vinta per Cia Umbria. “Ringraziamo l'Assessore Morroni - ha dichiarato il presidente Cia-Agricoltori italiani Umbria, Matteo Bartolini - per aver preso in considerazione una delle nostre proposte su un problema che da anni denunciamo con forza: la necessità di rivedere il piano faunistico venatorio”.