Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, raffica di controlli della polizia contro i botti illegali

alessandra Borghi
  • a
  • a
  • a

Dopo i primi sequestri operati nell'Assisano, proseguono i controlli della polizia di Stato per contrastare il fenomeno dei botti illegali. A sottolineare l'attenzione nei confronti del problema è stata Maria Olivieri, dirigente della Questura di Perugia, che ha parlato di "operazioni in corso" in occasione della conferenza stampa di fine anno con l'Azienda ospedaliera del capoluogo umbro. Il fine è stato, come sempre, quello di sensibilizzare la popolazione in vista dell'ultima notte dell'anno. "I festeggiamenti siano vissuti all'insegna del buon senso", ha invitato il responsabile del 118 regionale, Francesco Borgognoni. Queste alcune delle precauzioni fondamentali da osservare nel maneggiare i fuochi artificiali: verificare che siano conformi alla normativa europea (deve essere presente il relativo marchio); rispettare le distanze indicate nei libretti di istruzione, in particolare per evitare che i botti siano esplosi vicino a fonti infiammabili; non raccogliere il materiale inesploso. Ma accanto al tema del corretto utilizzo dei fuochi, è emerso l'allarme per l'abuso di alcol. "Notiamo da tempo un aumento del fenomeno, specialmente tra i giovani anche minorenni", ha detto il responsabile del pronto soccorso di Perugia, Paolo Groff.