Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sono oltre trentamilale unità immobiliarinon censite dal Catasto

Vale piu' di 19 milioni di euro la somma delle rendite catastali che sono state associate agli immobili accertati e registrati nelle banche dati. In particolare, circa 14,3 milioni di euro sono le rendite definitive

Claudio Bianconi
  • a
  • a
  • a

Porta i suoi risultati anche in Umbria l'operazione 'case fantasma', che ha fatto emergere nella regione Oltre 30mila unita' immobiliari urbane non censite nella base-dati catastale. E' uil risultto dell'operazione  'case fantasma'. La regolarizzazione delle case sconosciute al Catasto - si legge in una nota della Agenzia delle Entrate - e' stata condotta sull'intero territorio nazionale e realizzata grazie all'incrocio delle mappe catastali con le immagini aeree rese disponibili dall'Agea (Agenzia per le erogazioni in agricoltura), per avvistare cosi' i fabbricati presenti sul territorio ma non nelle banche dati catastali. Vale piu' di 19 milioni di euro la somma delle rendite catastali che sono state associate agli immobili accertati e registrati nelle banche dati. In particolare, circa 14,3 milioni di euro sono le rendite definitive, cioe' attribuite dopo che gli interessati hanno provveduto spontaneamente a presentare gli atti di aggiornamento del Catasto, mentre raggiungono il valore di 4,8 milioni di euro quelle presunte, cioe' attribuite d'ufficio, perche' gli immobili non erano stati accatastati volontariamente dai contribuenti alla data del 30 novembre 2012, giorno in cui si e' chiusa l'attivita' di accertamento sui fabbricati non dichiarati. In provincia di Perugia gli immobili complessivamente censiti sono stati 23.692 per una rendita complessiva di 15,4 milioni di euro; in provincia di Terni le unita' censite sono state 7.123 per una rendita di 3,7 milioni. L'attivita' di controllo ha permesso di individuare 6.707 immobili mai dichiarati nel perugino e 2.157 nel ternano. A questi immobili l'Agenzia, come previsto dal Dl 78/2010, ha associato una rendita catastale provvisoria, basandosi su precisi parametri, acquisiti anche con sopralluoghi esterni agli edifici non in regola.