Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, il 3 giugno la riapertura dei confini regionali. Si aspettano gli ultimi dati per l'ok definitivo

Il premier Giuseppe Conte

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

Si va verso la conferma della data del 3 giugno per la riapertura dei confini regionali senza alcuna differenziazione. Ma con un occhio attento ai dati epidemiologici dei prossimi giorni, per arrivare all'ok definitivo. Questo dopo la riunione a Palazzo Chigi tra il premier Giuseppe Conte, i capi delegazione delle forze di maggioranza e i ministri interessati, presente anche quello degli Esteri Luigi Di Maio. Per approfondire leggi anche: Rossi: "No fretta su riapertura regioni" "Il Decreto legge vigente prevede dal 3 spostamenti infraregionali - dice il ministro della Salute Roberto Speranza -. Al momento non ci sono ragioni per rivedere la programmata riapertura degli spostamenti. Monitoreremo ancora nelle prossime ore l'andamento della curva". Si va anche verso la conferma della riapertura dei confini italiani agli altri Paesi europei a partire dal 3 giugno, senza obbligo di quarantena, come previsto dal Dpcm, varato il 17 maggio scorso. A quanto apprende l'Adnkronos da fonti di governo sarebbe emersa la volontà di confermare il Dpcm già in vigore, senza vararne un altro, tenendo fede alla data del 3 giugno anche per l'apertura dei transiti tra le diverse Regioni, Lombardia compresa. Ora però sarà necessario un confronto con le Regioni, oltre a un occhio attento ai dati epidemiologici dei giorni a venire.