Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Coronavirus, nuova ordinanza regionale aumenta treni, autobus e autisti

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

La Regione ha rimodulato il trasporto pubblico locale. Nel corso della Fase 2, per i servizi ferroviari effettuati da Trenitalia è stato rilevato un riempimento medio dei treni regionali pari al 16%, calcolato rispetto alla disponibilità del 50% di posti a sedere. Sono stati registrati tuttavia picchi di flussi superiori al 30% nella tratta Terni-Orte-Roma e nella tratta Arezzo-Firenze a fronte dei quali è stata prevista, a partire da ieri la reintroduzione di alcuni treni nelle fasce orarie in cui sono stati riscontrati tali picchi. Per la gomma vengono confermati i servizi attualmente effettuati e pertanto pari a circa il 50% dei servizi programmati nel giorno feriale medio del periodo pre Covid, e saranno messe a disposizione e potenziate “riserve calde – autobus ed autisti” per effettuare corse aggiuntive nelle ore di punta dei servizi ed in particolare per i servizi urbani di Perugia e Terni. Nessuna modifica rispetto all'attuale programma di esercizio relativo ai servizi ferroviari e sostitutivi con autobus. Nell'atto viene riportato il programma di esercizio dei servizi di navigazione minimi garantiti sul Lago Trasimeno. L'ordinanza, tra l'altro, prevede precisi obblighi informativi delle aziende verso gli utenti. Infine, viene richiesto alle aziende un continuo monitoraggio per concordare con la Regione eventuali azioni correttive, cioè aggiungendo o togliendo corse in base alle esigenze.