Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Fase 2 e ritorno dei fedeli in chiesa alla messa, il virologo Pregliasco: "Io avrei aspettato"

Mauro Barzagna
  • a
  • a
  • a

La fase 2 dell'emergenza Coronavirus prevede la possibilità che i fedeli assistano alle messe e alla celebrazione degli altri riti religiosi, ma c'è chi avanza qualche perplessità. L'accordo siglato fra governo e Cei, Conferenza episcopale italiana, non convince il virologo Fabrizio Pregliasco. "La riapertura delle chiese è molto desiderata. Dal punto di vista del rischio di avere assembramenti, però - ha detto Pregliasco a Radio Capital - questo li aumenta, ogni rubinetto di apertura crea problematiche. Spero e credo che venga attuato nel miglior modo possibile, è una questione soprattutto di responsabilità e di autoconvincimento che non è ancora finita, che non siamo fuori dal rischio. Io avrei aspettato ancora un po' ". Il virologo spiega che il rischio è più elevato per gli anziani, quindi è necessario che i parroci prevedano un maggior numero di celebrazioni, in modo tale un numero non esagerato di persone sia presente alla messa all'interno della stessa chiesa.