Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, nuovo dl, ecco la bozza: fra le misure licenziamenti sospesi per cinque mesi. Nuovi bonus

Il premier Conte

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

Anticipazioni con novità nella bozza del decreto aprile per fronteggiare l'emergenza Coronavirus che introduce 'nuove misure urgenti di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da Covid-19'. Licenziamenti sospesi per cinque mesi, novità sul reddito di emergenza e bonus baby sitter sono alcune delle novità nella bozza. Dunque il periodo di sospensione dei licenziamenti viene ampliato da due mesi a cinque rispetto alla precedente formulazione. E ancora: Reddito di emergenza da 400 fino a 800 euro, i requisiti per il Reddito di cittadinanza, bonus baby sitter portato a 1.200 euro (a 2.000 per medici e infermieri), riconosciuta un'indennità fino a 600 euro anche ai lavoratori domestici. Più nel dettaglio - riferisce Adnkronos -, l'indennità di 600 euro verrà erogata anche ad aprile ai beneficiari che l'avevano ricevuta a marzo. Inoltre, alle partite Iva che hanno subito una riduzione del 33% del reddito a marzo e aprile, iscritti alla gestione separata e che non sono non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, è riconosciuta una indennità per il mese di maggio pari a 1000 euro. Secondo la bozza, inoltre, la stessa cifra di 1000 euro andrà ai lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa che abbiano cessato il rapporto di lavoro entro la data di entrata in vigore del decreto. Indennità di 1000 euro anche ai lavoratori iscritti alle gestioni speciali dell'Ago, mentre a quelli in somministrazione, impiegati presso imprese utilizzatrici operanti nel settore del turismo e degli stabilimenti termali, andranno 600 euro anche ad aprile. Ai lavoratori domestici che abbiano in essere, alla data del 23 febbraio 2020, uno o più contratti di lavoro per una durata complessiva non superiore a 20 ore settimanali, è riconosciuta, per i mesi di aprile e maggio 2020, un'indennità mensile pari a 400 euro, per ciascun mese. Ai lavoratori domestici che abbiano in essere, alla medesima data, uno o più contratti di lavoro di durata complessiva superiore a 20 ore settimanali, è riconosciuta, per i mesi di aprile e maggio 2020, un'indennità mensile pari a 600 euro, per ciascun mese.