Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, a Perugia riaperti tutti i mercati e i pensionati tornano negli orti

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Via libera dal 4 maggio agli ambulanti dell'alimentare nei mercati cittadini. Lo ha stabilito la giunta di Palazzo dei Priori, che ha deciso di non prorogare la precedente ordinanza di divieto. La decisione del Comune è stata salutata con favore dall'associazione di categoria.“Siamo molto soddisfatti”, commenta il presidente di Fiva Umbria Confcommercio Mauro Fortini, “perché la decisione del capoluogo può aprire la strada alle riaperture in tutta la regione, dove hanno fatto da apripista i Comuni di Orvieto e Narni. A Perugia la situazione era più complicata, perché i mercati sono molti di più. Dobbiamo ringraziare il Comune di Perugia, e in particolare l'assessore al commercio Clara Pastorelli, che ha ascoltato le nostre ragioni, anche posticipando la Tosap e annullando il contributo servizi per il periodo di chiusura dei mercati”. “Adottando tutte le misure di sicurezza e riorganizzando completamente gli spazi di vendita non c'è ragione di tenere ancora al palo gli operatori che vendono prodotti alimentari. A Orvieto e Narni siamo già ripartiti; poi partiremo nel capoluogo e speriamo di ripartire presto in tutti gli altri Comuni”, conclude Fortini. Intanto la Provincia di Perugia ha deciso di riaprire, con un rigido protocollo sulla sicurezza, anche i 340 orti dei pensionati, a partire dal 1 maggio (giorno di chiusura di tutte le attività commerciali". Ci saranno accessi contingentati ma ogni ortolano potrà portare la convivente o un accompagnatore.