Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus e fase 2, come muoversi: incentivi per bici e monopattini. E differenziare gli orari di lavoro

Nicola Uras
  • a
  • a
  • a

Obbligo di mascherine per chi prende l'aereo, mentre per gli altri mezzi di trasporto «si sta valutando». Più piste ciclabili e incentivi all'acquisto di biciclette, bici elettriche, monopattini, per decongestionare il traffico. La ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, al Corriere della Sera ha fatto una panoramica su le modalità con cui gli italiani potrebbero muoversi nella fase 2 del Coronavirus. «La riapertura sarà graduale. Ci saranno regole chiare nelle stazioni dei mezzi pubblici e negli aeroporti, in particolare segnaletica e percorsi guidati per garantire flussi unidirezionali in entrata e uscita e il distanziamento sociale di un metro. I mezzi viaggeranno al massimo col 50% dei posti occupati» spiega De Micheli. E ancora: «La mascherina sarà obbligatori per tutti sugli aerei. E sui taxi, se si sale almeno in due. Per i conducenti dei treni e degli altri mezzi pubblici solo nel caso in cui non siano soli. Per i passeggeri di questi stessi mezzi la valutazione è in corso. La regola fondamentale sarà il distanziamento sociale». C'è poi l'obiettivo di decongestionare la fascia oraria tra le 7 e le 8 del mattino in cui la maggior parte degli italiani si reca a lavoro: «Diventa fondamentale differenziare gli orari di lavoro, un tema sul quale stanno lavorando i ministri del Lavoro e dello Sviluppo con le associazioni imprenditoriali e sindacali» spiega De Micheli. Leggi anche: bonus vacanze per famiglie.