Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, tornano a risalire i contagi in Umbria (+ 4). Altri due decessi

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Quattro casi positivi in più, a distanza di 24 ore dalla quota zero contagi da Coronavirus riscontrata lunedì 20 aprile. Altri due morti, di cui l'ultimo martedì mattina: un 76enne di Marsciano ricoverato all'ospedale di Perugia. I dati della Regione Umbria aggiornati alle 8 del 21 aprile parlano di una leggera risalita dell'infezione seppure a fronte di 1.100 tamponi in più (lunedì erano stati poco più di 300) anche se i guariti hanno superato i malati. 1.353 persone (+ 4 rispetto lunedì) in Umbria risultano positive al virus Covid-19, gli attualmente positivi sono 568 (- 23). I guariti sono 725 (+ 25);risultano 161 clinicamente guariti(- 6); i deceduti sono 60 (+2). Dei 1.353 pazienti positivi attualmente sono ricoverati in 129 (- 13); di questi 22 (-7) sono in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 1.317 (-58); sempre alla stessa data, risultano 12.536 (+743) persone uscite dall'isolamento. Nel complesso, entro le ore 8 del 21 aprile, sono stati effettuati 26.662 tamponi (+ 1.116). I pazienti clinicamente guariti sono quelli che, dopo aver presentato manifestazioni cliniche come febbre, rinite, tosse, mal di gola e, nei casi più gravi, polmonite con insufficienza respiratoria, diventa asintomatico, clinicamente guarito, pur risultando ancora positivo al test per la ricerca di Sars-CoV-2. In questo caso, pur non essendo più necessario il ricovero, il paziente non può ritornare alla vita di comunità perché ancora con una carica virale elevata. Il paziente ufficialmente guarito invece, è colui che risulta negativo in due test consecutivi, effettuati a distanza di 24 ore uno dall'altro. Maggiori dati e tutte le notizie relative all'emergenza coronavirus sono consultabili su www.regione.umbria.it/coronavirus in cui è stata attivata una dashboard (https://coronavirus.regione.umbria.it/) che fornisce tutti i dati in merito all'evoluzione del Covid-19 in Umbria.