Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, il sacerdote evita la multa con l'autocertificazione: "Vado a fare un esorcismo"

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

Autocertificazione ai tempi del Coronavirus. Chi controlla ne vede di ogni tipo. Un sacerdote di Vercelli è stato fermato dalle forze dell'ordine e ha presentato una autodichiarazione alquanto singolare: "Vado a fare un esorcismo". Per approfondire leggi anche: App aiuta nell'autocertificazione E' quanto avrebbe detto il prete per evitare la multa ai controlli. "L'autocertificazione che il sacerdote ha presentato era inoppugnabile, corredata dalle credenziali firmate dall'arcivescovo", ha spiegato il comandate della polizia locale. LʼArcidiocesi, tuttavia, replica: "Non è un religioso che opera sul nostro territorio".  Il sacerdote viaggiava in auto ed è stato fermato dalla polizia locale dell'Unione Bassa Sesia ad Arborio, nel Vercellese. Per giustificare lo spostamento, ha presentato un'autocertificazione in cui diceva di dover andare a fare un esorcismo, per scacciare una presunta presenza demoniaca."È stato lasciato passare senza la verbalizzazione della contravvenzione", ha spiegato al giornale La Stampa il comandate della polizia locale Pierangelo Daglia.  L'Arcidiocesi di Vercelli ha però smentito la missione e l'attività dell'uomo.