Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, camiceria Caposanmarco di Foligno realizza mascherine di cotone colorato

Alfredo Doni
  • a
  • a
  • a

di Alfredo Doni Dalle camicie su misura alle mascherine, l'intuizione e la svolta obbligata per non fermare del tutto l'attività. Così Nicoletta Cavadenti, titolare della camiceria Caposanmarco, a Foligno, si è adattata alle restrizioni dovute all'emergenza Coronavirus. “Dopo un'iniziale disorientamento, ho deciso di rimboccarmi le maniche e trasformare, per un periodo di tempo spero limitato, la mia attività”, spiega Cavadenti. “Il cotone, in varie colorazioni e fantasie, cucito insieme al tnt, assume la forma della mascherina che è conforme alle indicazioni del 18 marzo contenute nella circolare del ministero della Salute, con le caratteristiche delle mascherine chirurgiche: una raccomandazione, che faccio sempre presente, è che prima di indossarle vanno lavate a mano; se utilizzate con accortezza possono durare tranquillamente un paio di mesi”, aggiunge la titolare della Caposanmarco. Il negozio, come tutti, è chiuso e pertanto la vendita dei pezzi avviene attraverso consegna a domicilio nella zona del Folignate, con spedizioni nel caso di ordini da fuori regione o su appuntamento. Numeri di telefono e altre indicazioni, tra cui il prezzo che va dai 4 ai 6 euro a mascherina, si possono trovare sulla pagina Facebook della camiceria Caposanmarco. “In questo periodo così triste e difficile, la mascherina colorata può contribuire a rendere meno opprimente il clima in cui viviamo. Dal 20 marzo, giorno in cui ci siamo messi a realizzarle in collaborazione con il laboratorio di Città di Castello, ne abbiamo vendute oltre mille con ordinazioni che sono arrivate da varie parti d'Italia. Certo, spero che duri poco perché la mia attività, frutto della passione che ho sempre avuto, è quella di produrre camicie su misura”, dice ancora Cavadenti. Che ha aperto la sua bottega nel 2015, inizialmente vendendo il “pronto” per poi specializzarsi nel sartoriale. Un bel salto in avanti che ha portato a Nicoletta anche un pizzico notorietà: tra i clienti che si sono affacciati nel suo negozio, anche personaggi come Gino Sirci, patron della squadra di pallavolo, e artisti del calibro di Mario Biondi, Max Gazzè e Max Dedo. “Sì, è stata una bella soddisfazione, un'emozione, vedere le mie camicie indossate da questi artisti durante alcuni loro concerti. Tra noi, poi, si è anche creato un bel rapporto di amicizia, spesso mi invitano agli spettacoli e non vedo l'ora che tornino quei giorni così belli”.