Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, i guariti sono meno di quelli comunicati. Gli esperti: necessario distinguerli dai dimessi

Un tampone

Tommaso Ricci
  • a
  • a
  • a

La Fondazione Gimbe,  un'organizzazione indipendente che dal 1996 promuove l'integrazione delle migliori evidenze scientifiche in tutte le decisioni politiche, insieme Youtrend, ha analizzato definizioni e discrepanze sui casi "dimessi/guariti" per il Coronavirus (LEGGI ANCHE QUI), il cui numero viene fatto coincidere con i guariti nella comunicazione pubblica giornaliera. "Prendiamo ad esempio il caso Lombardia - fanno sapere - : a ieri mercoledì 1 aprile 11.415 pazienti dimessi da setting ospedalieri di cui non si conosce lo status clinico confluiscono nel dato nazionale 'dimessi/guariti' dove costituiscono il 68%, sovrastimando il tasso di guarigione", afferma la fondazione Gimbe, che chiede alle istituzioni di eliminare questa ambigua etichetta, di non conteggiare tra i dimessi/guariti i casi con status di guarigione non noto e distinguere le guarigioni cliniche da quelle virologiche.