Coronavirus, test rapidi a pagamento in un laboratorio privato di Perugia

Un laboratorio di analisi

Epidemia

Coronavirus Umbria, test rapido a pagamento in un laboratorio di Perugia. Costerà 70 euro. Prenotazioni aperte

01.04.2020 - 23:45

0

di Francesca Marruco

Un appuntamento telefonico, l'autocertificazione per dire che non si hanno sintomi, 70 euro e due ore di attesa per avere, collegandosi ad un sito, i risultati al test rapido per il Covid-19. A partire da domani i test immunologici verranno effettuati anche al Chiriofisiogen Center di Ponte San Giovanni. In proposito abbiamo intervistato la direttrice del laboratorio d'analisi della struttura, dottoressa Claudia Trippetti.

Dottoressa come funzionerà?

“In modo molto semplice: si chiama, si risponde ad un questionario sulla condizione fisica e si prende un appuntamento. In cinque minuti poi effettuiamo il test immunologico che rivela se ci sono o meno anticorpi nel sangue. Abbiamo creato un percorso pulito per tutti i pazienti che rispondono alle caratteristiche”.

Quali caratteristiche?
"Dovranno certificare di non avere sintomi quali febbre, tosse o affanno. Solo in quel caso gli fisseremo un appuntamento. Il nostro target sono gli asintomatici”.

Chiederete anche se sono in isolamento domiciliare?
“Certo, in quel caso non li accetteremo”.

Torniamo al test, sappiamo che non è ancora riconosciuto dal ministero come strumento diagnostico come invece è il tampone...
“Il test è diagnostico a tutti i livelli e ne usciranno tanti altri. Il tampone è un mezzo di prelievo, così come lo è il prelievo ematico utile per il test immunologico. Il primo ad essere uscito è stato il tampone. Ora è arrivato il test ematico come screening qualitativo. Poi arriverà quello molecolare che potrà dirci molto di più”.

La Regione Umbria, che sta iniziando ad usare lo stesso tipo di test rapido fa prima una sperimentazione che prevede un confronto con i tamponi per valutarne l'attendibilità, voi avete già fatto questo passaggio?
“Noi abbiamo acquistato dei kit già validati e certificati CE, la nostra è stata una valutazione interna. Dopo aver provato i prodotti di varie aziende, abbiamo scelto quello che abbiamo ritenuto essere il migliore. Se il Ministero non lo ha ancora validato è perché probabilmente ne sta testando un numero molto alto di varie aziende produttrice. Comunque se dovessimo confrontare questo test in larga scala tanto varrebbe fare i tamponi”.

Ma senza confronto non c'è il rischio di falsi negativi?
“Falsi positivi e falsi negativi ci sono anche nei tamponi. Ci possono essere sempre in ogni test. Non a caso i tamponi li ripetono 3 volte. E' chiaro che anche per i test immunologici è buona norma ripeterlo. In ogni caso come accuratezza e affidabilità la certificazione di quello che abbiamo acquistato riporta una sovrapposizione pari al 98%”.

Quindi si chiama e si prenota, poi come funziona?
“Se si supera l'intervista, si viene da noi. C'è un accesso secondario esterno alla struttura, lì abbiamo creato una barriera ulteriore per il percorso informativo e il modulo di consenso informato, misuriamo la febbre prima di entrare. C'è un vetro schermato per l'accettazione. Poi il paziente, con mascherina e guanti, infila il braccio in una buchetta e li fa il prelievo".

Cosa c'è scritto nel consenso informato?
“Molti aspetti, tra cui quello, fondamentale di indicare il proprio medico curante”.

Perché?
“Per avvisarli se il risultato viene positivo”.

Per evitare contatti e contagi come vi organizzate? Ogni quanto tempo ricevete un paziente? C'è la sanificazione tra uno e il successivo?
“Uno ogni quarto d'ora. Teoricamente non si vedono nemmeno. Comunque c'è una persona fuori che filtra e semmai li blocca. E' come se lavorassimo all'aperto. Non c'è nessun appoggio, nessuna sedia quindi nessuna sanificazione. Noi siamo protetti dai Dpi e per i pazienti c'è un percorso pulito in cui facciamo cambiare i guanti ad ogni azione”.

Si faranno da venerdì, quanti ne avete?
“Abbiamo prenotazioni per i primi tre giorni. Ne abbiamo 45 per venerdì e lunedì, poi 50 per martedì, pazienti spalmati in dieci ore per evitare ce si incontrino. Di kit al momento ne abbiamo mille e ne abbiamo ordinati altri 5 mila”.

Ma non sono state bloccate le attività programmate?
“Sono bloccate solo le attività programmate in convenzione. Ma noi comunque lo facciamo privatamente”. 

Avete avuto un interlocuzione con la Regione?
“Assolutamente no, ma siamo pronti in ogni momento a collaborare”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Gabbani si sdoppia per il nuovo singolo "Il sudore ci appiccica"

Gabbani si sdoppia per il nuovo singolo "Il sudore ci appiccica"

Carrara, 5 giu. (askanews) - Francesco Gabbani non smette mai di stupire e per si sdoppia il video di "Il sudore ci appiccica" il suo nuovo singolo estratto dall'album "Viceversa" che acquista un significato ancora più importante dopo mesi di lockdown. "Prende in esame il sudore come elemento, inteso come fatica, e di fatica nel momento del bisogno, e di fatica in questi mesi ne abbiamo fatta ...

 
Disastro ecologico in Siberia: 20mila tonnellate di carburante si sono riversate in un fiume
NEL MONDO

Disastro ecologico in Siberia: 20mila tonnellate di carburante si sono riversate in un fiume

Una cisterna di carburante che rifornisce una centrale elettrica vicino a Norilsk (Siberia settentrionale) è collassata riversando oltre 20mila tonnellate di carburante nel fiume Ambarnaya le cui acque si sono tintee di rosso per la presenza di diesel e vari lubrificanti. Il presidente russo, Vladimir Putin, ha ordinato lo stato d'emergenza accusando la Norilsk Nickel - l'azienda proprietaria ...

 
Uomini e Donne, torna Alessandro Graziani. E in studio c'è Parpiglia che lo incalza su Serena Enardu

TELEVISIONE

Video Uomini e Donne, torna Alessandro, Parpiglia lo incalza su Serena

Durante la puntata di giovedì 4 giugno di Uomini e Donne, non sono mancati i colpi di scena. La competizione tra Sammy e Davide per Giovanna continua e si aggiunge una terza ...

04.06.2020

Stasera in tv 4 giugno la quinta stagione di "Che Dio ci aiuti" con Elena Sofia Ricci

TELEVISIONE

Stasera in tv 4 giugno la quinta stagione di "Che Dio ci aiuti" con Elena Sofia Ricci

Stasera in tv 4 giugno prime due puntate della quinta stagione di "Che Dio ci aiuti" (su Rai 1 a partire dalle 21,25) con Elena Sofia Ricci nei panni di suor Angela.  Primo ...

04.06.2020

Stasera in tv 4 giugno "Escape Plan 2 - Ritorno all'inferno" con Sylvester Stallone

TELEVISIONE

Stasera in tv 4 giugno "Escape Plan 2 - Ritorno all'inferno" con Sylvester Stallone

Stasera in tv 4 giugno appuntamento con "Escape Plan 2 - Ritorno all'inferno". Pellicola del 2018, regia di Steven Mille, nel cast anche Sylvester Stallone e Dave Bautista. ...

04.06.2020