Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, il virologo Burioni: "La curva dei contagi non esiste, i dati delle 18 non hanno molto senso"

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

Il virologo Roberto Burioni ha risposto su Twitter ad alcuni utenti che lo interrogavano sul perché la curva dei contagi da Coronavirus non diminuisce. La risposta dell'esperto è stata lapidaria sul social: "La curva non esiste perché i dati che ci leggono ogni giorno alle 18 non hanno molto senso. Una delle cose che dovremmo fare è per l'appunto metterci in condizioni di avere dei dati affidabili". Per approfondire leggi anche: Stasera Burioni da Fabio Fazio "Bisogna fare tamponi ogni settimana su un campione della popolazione per vedere l'andamento reale dell'epidemia. E ricercare gli anticorpi nella popolazione per capire quanti hanno effettivamente contratto la malattia in queste settimane", scrive ancora Burioni. In questo momento la situazione è "ancora talmente grave da rendere irrealistico qualunque progetto di riapertura a breve. Al momento bisogna stare tappati in casa, altrimenti si vanificano i sacrifici che abbiamo fatto fino ad ora, punto e basta". "la curva" non esiste perché i dati che ci leggono ogni giorno alle 18 non hanno molto senso. Una delle cose che dovremmo fare è per l'appunto metterci in condizioni di avere dei dati affidabili.— Roberto Burioni (@RobertoBurioni) March 28, 2020