Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus in Umbria, servizio a domicilio: perugino crea gruppo Facebook per aiutare chi acquista da casa

Sabrina Busiri Vici
  • a
  • a
  • a

di Sabrina Busiri Vici In pochi giorni ha già superato i mille e settecento iscritti: nelle ultime 24 ore il profilo Facebook creato da Andrea Pieri “Restiamo in casa, la spesa viene da noi”, si è incrementato del 50 per cento. L'idea è semplice: mettere in contatto chi vende e consegna prodotti essenziali e chi acquista. Una sorta di cerco e trovo online. Andrea, 47 anni, vive a Perugia, a Montevile, con la famiglia, moglie e una figlia. In questo periodo, come gran parte delle persone, si trova a non poter lavorare a causa dell'epidemia da Covid-19 e così ha avuto l'idea. “Ho ragionato sul fatto - racconta - che meno persone escono, più hanno l'opportunità di proteggersi e di conseguenza ci sarà la possibilità che prima finisca questa situazione. Così sto cercando di dare il mio contributo”. Da una parte, quindi, pizzerie, aziende agricole, affitta case, edicole, farmacie, insomma tutte attività che vendono beni di prima necessità sparse nel territorio umbro e, dall'altra, chi ha bisogno di tutto questo. “Mi ha sorpreso vedere i buoni risultati raggiunti in poco tempo, soprattutto quante attività commerciali si sono messe in contatto con me per entrare a far parte dell'iniziativa. Allo stesso modo vedo che il passaparola social funziona. Certo, non ha ancora attivato un sistema di feedback per valutare quante transazione vanno in porto, ma in realtà questo aspetto va già oltre il servizio che propongo”. Pieri ci tiene anche a sottolineare che da questa temporanea attività non ha nessun tornaconto. E ora, date le numerose richieste da gestire, è venuta in sua aiuto anche la moglie. Da mettere a punto nei prossimi giorni, sempre secondo Pieri, una catalogazione degli esercenti divisi per settore e per area geografica. “Oltre a Perugia - puntualizza - hanno risposto in tanti da Gubbio, Lago Trasimeno, Marsciano, Foligno; meno, invece, dallo Spoletino e dal Ternano”. Ad appagarlo, conclude Pieri, “i tanti ringraziamenti che gli arrivano. Ogni giorno di più”. [email protected] gruppocorriere.it