Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus in Francia, la strage a porte chiuse nelle case di riposo. Difficile persino contare i morti

Giuseppe Silvestri
  • a
  • a
  • a

Con più di 1.300 morti e 25mila "attualmente positivi" (dati 25 marzo), la Francia è ormai entrata in piena emergenza Coronavirus. Il Paese è il quinto al mondo per numero di decessi e il settimo per casi registrati. Il governo continua a rivolgere pressanti appelli alla popolazione, affinché rispetti le direttive per cercare di arginare il virus, ma sono ancora troppi gli assembramenti e i francesi che escono anche quando dovrebbero evitare, in particolare nella capitale Parigi. Nel corso di una escalation che in Italia conosciamo bene (per averla iniziata a vivere tre settimane fa), anche i transalpini sono costretti ad affrontare vere e proprie storie del dolore. Come quella di cui si è occupato il prestigioso quotidiano Le Figaro il 25 marzo, parlando di un fenomeno che ha definito la "tragedia a porte chiuse". Ovvero le morti nelle case di riposo, che tra l'altro sfuggono al bilancio ufficiale perché il bollettino giornaliero tiene conto soltanto dei decessi negli ospedali (il conteggio cambierà nei prossimi giorni). Nelle residenze riservate agli anziani si sta consumando una vera e propria strage. In un dettagliato articolo, Anne-Laure Frémont su Le Figaro dà qualche cifra e sono numeri da brividi: 16 vittime in uno stabilimento di Saint-Dizier (Alta Marna), 7 in Alta Savoia, 20 nei Vosgi e almeno 13 nella casa di riposo del gruppo Rothschild a Parigi, dove ci sono altri 84 positivi. L'Agenzia sanitaria regionale dell'Ile-de-France (Ars) sostiene che siano almeno 148 le strutture con episodi di infezione. "E spesso - sottolinea Gaël Durel, presidente dell'Associazione nazionale dei medici coordinatori delle case di riposo - non c'è posto in ospedale per chi avrebbe bisogno di un ricovero. Chiamiamo, ma sempre più spesso ci viene detto: non ci sono abbastanza letti, trovate un modo per tenerli a casa". In Francia gli ospiti degli ospizi sono complessivamente 850mila.   Marianne Chateau