Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, Cdm approva decreto: multe salate per chi viola regole. Conte: "No proroga misure al 31 luglio"

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

Il Consiglio dei ministri ha approvato oggi, martedì 24 marzo 2020, ii decreto che introduce multe più aspre, fino a un massimo di 3 mila euro e sanzioni più dure per chi aggira le misure per arginare la diffusione del Covid-19. Non è prevista la confisca di auto, moto e veicoli. Per approfondire leggi anche: Le regole per gli spostamenti E durata oltre due ore la riunione del Consiglio dei ministri. Il presidente del consiglio Giuseppe Conte ha parlato poco prima delle ore 19 in streaming in conferenza stampa. "A livello sanzionatorio abbiamo introdotto una multa da 400 euro a tremila euro. Alla contravvenzione ora prevista si sostituisce questa sanzione pecuniaria", ha spiegato a proposito delle sanzioni. "Sono soddisfatto e orgoglioso - ha aggiunto - della reazione che tutti i cittadini stanno avendo. Le forze dell'ordine stanno facendo un attento monitoraggio ma la stragrande maggioranza di cittadini si sta conformando a queste nuove regole e nuove abitudini di vita. Si è diffusa la notizia - ha affermato - che le misure saranno prorogate al 31 luglio (ora sono fino al 3 aprile). Quando abbiamo adottato il primo provvedimento a fine gennaio abbiamo deliberato lo stato emergenza nazionale per sei mesi, fino al 31 luglio 2020. Ma questo non significa che le misure restrittive saranno prorogate fino a quella data. Siamo pronti in qualsiasi momento ad allentare la morsa, superare quelle misure e fiduciosi che ben prima di quella scadenza si possa tornare a un migliore stile di vita". "Con questo decreto legge abbiamo anche regolamentato in maniera più puntuale e trasparente i rapporti con il Parlamento. Prevediamo che ogni iniziativa venga trasmessa ai presidenti delle Camere e che io o un ministro delegato vada a riferire in Parlamento", ha spiegato Conte.