Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus in Umbria: anche la Chiesa scende in campo: i vescovi donano un ventilatore al sistema sanitario

Marina Rosati
  • a
  • a
  • a

Anche i vescovi umbri scendono in campo per sostenere il sistema sanitario locale. E lo fanno con la donazione di un ventilatore polmonare per terapia intensiva. "Il nostro primo pensiero – afferma monsignor Renato Boccardo, arcivescovo di Spoleto-Norcia e presidente della Conferenza episcopale umbra – va a coloro che, anche nella nostra Regione, stanno affrontando questa impegnativa battaglia: alle persone colpite dal Covid-19, a quanti hanno perso la vita e ai loro familiari, ai medici e agli operatori della sanità e del volontariato, ai responsabili della società civile chiamati a prendere decisioni importanti e non facili per il bene di tutti. A tutti e a ciascuno, insieme con i nostri sacerdoti che continuano in maniere diverse la quotidiana compagnia alle comunità loro affidate, assicuriamo la cordiale vicinanza e la costante preghiera: nelle messe che, a causa dell'emergenza celebriamo senza il popolo ma per tutto il popolo, portiamo con noi davanti al Signore le speranze e le fatiche di ognuno. In questo momento di grave preoccupazione – conclude l'arcivescovo Boccardo –, ciascuno si senta responsabile della salute propria e degli altri, attenendosi scrupolosamente alle indicazioni emanate dalla competente autorità per contrastare il diffondersi dell'epidemia". Leggi anche: Coronavirus in Umbria, Tesei la spunta sul governo e Roma invia 10 ventilatori polmonari