Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, tutte le domande sul Cura Italia: come attivare cassa integrazione, voucher, bonus e congedi

Marina Rosati
  • a
  • a
  • a

Tutto quello che c'è da sapere sul Cura Italia per gestire l'emergenza Coronavirus. Tutte le domande e le conseguenti risposte sono state pubblicate dall'Agenzia delle entrate-Riscossione che, sul proprio portale ha pubblicato le più frequenti (Faq) per fornire alcuni chiarimenti ai contribuenti in merito alle diposizioni introdotte, in materia di riscossione, dal decreto legge n.18/2020 (“Cura Italia”). Il decreto prevede, in particolare, la sospensione di tutti i versamenti in scadenza nel periodo dall'8 marzo al 31 maggio 2020, derivanti dalle cartelle di pagamento, dagli avvisi di addebito e dagli avvisi di accertamento esecutivi affidati all'Agente della riscossione, che dovranno tuttavia essere effettuati entro il 30 giugno 2020. Il Decreto sospende (dall'8 marzo al 31 maggio 2020) l'invio di nuove cartelle e la possibilità per l'Agenzia di avviare azioni di riscossione, come fermi amministrativi, ipoteche e pignoramenti, per il recupero dei debiti scaduti prima dell'inizio della sospensione. Il decreto ha anche differito al 31 maggio 2020 i termini per il pagamento della rata della "Rottamazione-ter", scaduta il 28 febbraio 2020 e quella del "Saldo e stralcio” in scadenza il 31 marzo 2020.  Leggi anche: Coronavirus, l'Unione europea blocca il Patto di stabilità. Non era mai successo Coronavirus, la Commissione Europea allenta le regole di bilancio