Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, flash mob dai balconi oggi giovedì 19 marzo alle 18: la canzone (con testo) e come partecipare

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

Il calendario dei flash mob prosegue in questi giorni di emergenza Coronavirus con gli italiani fermi a casa. Il nuovo flash mob con la gente sui balconi e finestre a cantare, è per le ore 18 di oggi, giovedì 19 marzo 2020. La canzone indicata per cantare è "Ma che ce frega" di Lando Fiorini. Per approfondire leggi anche: Flash mob: il programma fino al 22 marzo La società dei magnaccioni o La società de li magnaccioni è una canzone popolare Romana, incisa da Armandino Bosco nel 1962 e resa nota al grande pubblico e portata al successo da Gabriella Ferri e Luisa De Santis due anni dopo. È stata successivamente incisa da molti altri artisti. Il testo Fatece largo che passamo noi Sti giovanotti de' sta Roma bella Semo ragazzi fatti cor pennello E le ragazze famo innamorà E le ragazze famo innamorà Ma che ce frega ma che ce 'mporta Se l'oste ar vino ci ha messo l'acqua E noi je dimo e noi je famo C'hai messo l'acqua Nun te pagamo ma però Noi semo quelli Che j'arrisponnemmo 'n coro E' mejo er vino de li Castelli De questa zozza società E si per caso vi è er padron de casa De botto te la chiede la pigione E noi jarrispondemo a sor padrone T'amo pagato e 'n te pagamo più T'amo pagato e 'n te pagamo più Che ce arifrega che ce arimporta Se l'oste ar vino ci ha messo l'acqua E noi je dimo e noi je famo C'hai messo l'acqua Nun te pagamo ma però Noi semo quelli Che j'arrisponnemmo 'n coro E' mejo er vino de li Castelli De questa zozza società Ce piacciono li polli Li abbacchi e le galline Perché son senza spine Nun so' come er baccala' La societa' dei magnaccioni La societa' della gioventù A noi ce piace de magna e beve E nun ce piace de lavora' Portace 'nantro litro Che noi se lo bevemo E poi jarrisponnemo Embe' embe' che c'è E quanno er vino embe' C'arriva al gozzo embe' Ar gargarozzo embe' Ce fa 'n figozzo embe' Pe falla corta pe falla breve Mio caro oste portace da beve Da beve da beve