Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus: ecco un'altra cosa che non si può fare: andare al maneggio per montare o muovere il cavallo

Marina Rosati
  • a
  • a
  • a

Il Coronavirus blocca anche gli sport equestri. “Non ci si può recare al maneggio per montare o muovere alla corda il cavallo, neanche adducendo giustificazioni del tipo ‘il mio cavallo è particolare' oppure ‘il mio cavallo ha bisogno di essere montato'. La normativa è volta a evitare gli spostamenti limitandoli a situazioni particolari o eccezionali come ‘atleti di interesse nazionale', che sono una categoria molto ristretta e certificata dalla Federazione, e situazioni di necessità indifferibili, anche queste preferibilmente certificate da un veterinario”. È Mirella Bianconi, presidente della Federazione sport equestri (Fise) Umbria, a fare chiarezza con i tesserati Fise sulle ultime normative nazionali introdotte per fronteggiare l'emergenza Covid-19. “Comprendiamo che in tanti vorrebbero stare con l'amato compagno cavallo – prosegue Bianconi –, ma in questo momento ci sono priorità nazionali più importanti che impongono la sospensione dell'attività dei centri sportivi e ci inducono a suggerire di valutare la chiusura degli impianti e certamente di non consentire l'uso delle parti comuni. Nel caso il cavallo abbia avuto un problema muscolare che lo costringe al riposo i nostri istruttori o presidenti di circolo sono in grado di valutare le cautele da adottare per evitare o limitare ulteriori rischi”. “La concessione riconosciuta ai tesserati della Federazione – spiega ancora la presidente –, di potersi recare dal proprio cavallo solo per situazioni di comprovata necessità indifferibile è una facoltà della quale non bisogna abusare e non significa assolutamente poter andare a muovere (a mano, alla corda o montato) il proprio cavallo. Infatti, l'utilizzo senza criterio di qualcuno potrebbe determinare la revoca in un danno a tutti. Quindi invitiamo a coordinarvi con gli istruttori, i presidenti di circolo e i veterinari per comprendere l'effettivo stato di necessità indifferibile che possa riguardare il vostro cavallo e giustificare lo spostamento”. Leggi anche: Coronavirus, lo sport all'aria aperta è ammesso. Ma il sottosegretario Zampa spiega le regole da rispettare