Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, Ricciardi (Oms): "Progressione contagio ancora esponenziale, ma cautela"

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

Contagio da Coronavirus, cosa dice l'andamento. Risponde l'Oms. L'andamento del contagio "è ancora esponenziale. Quando una persona ne contagia 2 si arriva ai numeri elevati" di alcune previsioni, "ma bisogna essere cauti in queste affermazioni". Per approfondire leggi anche: Coronavirus, emergenza Lombardia Lo dice Walter Ricciardi, membro italiano del comitato esecutivo dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza, intervenuto a 'L'Aria che tira' su La7 sull'emergenza Covid-19. Un rallentamento è possibile, suggerisce l'esperto, richiamando un precedente: "Faccio l'esempio dell'influenza pandemica del 2009: noi andavamo a casa con i modelli che ci facevano i colleghi e non ci dormivamo la notte, perché le previsioni erano di milioni di casi e di migliaia di morti. Fortunatamente questo non si è verificato per una serie di motivi: lo sforzo organizzato della società a livello mondiale, il fatto cioè che abbiamo lavorato tutti quanti insieme in tutto il mondo; il fatto che poi il virus si è affievolito; il fatto che sono stati trovati strumenti terapeutici e diagnostici migliori e il fatto che si è accelerata la ricerca di un vaccino, tutto questo ha contribuito a far sì che questi scenari terribili non si fossero realizzati". È vero, ammette Ricciardi, "in questo momento la progressione è ancora esponenziale, quindi probabilmente vedremo ancora questa settimana in Italia e nel resto d'Europa e del mondo questo andamento. Ma non significa che quei numeri verranno raggiunti. Significa che dobbiamo fare di tutto per non raggiungerli".