Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, alla Manini Prefabbricati igienizzante e lista di regole da seguire alla reception dell'azienda

Catia Turrioni
  • a
  • a
  • a

La Manini Prefabbricati di Bastia Umbra, 250 dipendenti di cui 150 operai e 100 impiegati, sta affrontando l'emergenza Coronavirus adeguandosi, anzitutto, al pieno rispetto delle direttive del Decreto della Presidenza del consiglio dei ministri del 4 marzo. Norme igieniche e comportamentali che vengono seguite con grandissimo senso civico e rispetto sia per i propri collaboratori che per tutte le persone che vengono in contatto con l'azienda. Alla reception sono stati posizionati distributori di gel igienizzante e affisso una sorta di decalogo con quelli che sono i comportamenti da seguire: disinfettarsi le mani tramite apposito erogatore, evitare strette di mano, mantenere la distanza interpersonale di un metro, coprirsi naso e bocca se si starnutisce o tossisce. Per chi ha sintomi, il suggerimento è quello di astenersi dal recarsi al lavoro. L'attività aziendale quotidiana sta procedendo nella normalità e fino ad ora non si sono avuti rallentamenti di nessun genere, né nelle vendite né nell'attività progettuale né per quella produttiva. L'azienda leader nel settore prefabbricati sta andando avanti senza particolari stravolgimenti. Ma l'obiettivo è quello di non farsi cogliere impreparati di fronte a qualsiasi emergenza si possa presentare. Di fatto, la Manini è pronta ad affrontare un'eventuale necessità di smart working, avendo già predisposto e collaudato strumenti e connessioni.