Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Milano, in Rsa mortalità cresciuta 2,5 volte 

AdnKronos
  • a
  • a
  • a

All'interno delle Rsa la mortalità totale nei primi 4 mesi del 2020, durante la pandemia di Covid-19, è stata pari al 22%, circa 2,5 volte più elevata di quella degli anni precedenti (pari a circa il 9%). E' quanto emerge da uno studio della mortalità verificatasi in 162 strutture sul territorio di riferimento dell'Ats di Milano (che comprende anche Lodi) che ospitano oltre 16 mila persone. In questi 4 mesi, da gennaio ad aprile 2020, nella popolazione di Ats Milano con più di 70 anni d'età si sono osservati circa 5.500 decessi in più di quanto atteso in base alla media dei decessi degli anni precedenti. Di questi, il 46% si sono verificati nelle Rsa.  "Per quel che sappiamo - commenta il Dg di Ats città metropolitana di Milano, Walter Bergamaschi, oggi durante un incontro in Ats - è il primo studio in Italia che valuta la mortalità avvenuta in queste strutture in modo sistematico. L'obiettivo è poter fare valutazioni di cosa ha funzionato e cosa no. Non vogliamo fare processi. Il lavoro ha misurato l'aumento di mortalità assoluta durante la pandemia, indipendentemente dal numero di casi accertati. E' una fotografia e non tutte le strutture hanno avuto gli stessi fenomeni. Intendiamo andare avanti per capire il legame fra le misure messe in atto e i risultati ottenuti".