Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, Locatelli: "Seconda ondata possibile ma più debole" 

AdnKronos
  • a
  • a
  • a

"E' possibile che col ritorno dei mesi più freddi, nel tardo autunno e in inverno, ci possa essere una ripresa" dell'epidemia. "Il virus circola eccome nel nostro paese e in altri continenti. E' fondamentale farci trovare preparati ad affrontare questa seconda ondata che, se dovesse verificarsi, secondo me non avrà le dimensioni e la portata della prima". Sono le parole di Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità, in collegamento con Agorà. "E' importante raccomandare la vaccinazione antinfluenzale, ma chiariamo che non crea immunizzazione totale da sintomi respiratori", afferma.  Superata la fase acuta dell'emergenza, è indispensabile ripristinare la sanità 'ordinaria'. "Bisogna far ripartire gli screening, in particolare in ambito oncologico. Bisogna ricostituire rete di assistenza per chi soffre di sindromi coronariche acute. E' un lavoro che va ripristinato al più presto, è una rete che va ricostruita. L'epidemia ha messo a nudo i limiti della Sanità degli ultimi anni. Ma il nostro sistema Sanitario ha reagito in modo formidabile", dice.   Ora "l'obiettivo è portare il numero di nuovi casi a zero su tutto il territorio nazionale. Ieri c'è stato un numero consistente di realtà territoriali regionali in cui non sono stati osservati nuovi casi. Tutto questo è il frutto del senso di responsabilità individuale di tutti i cittadini di questo paese, è un merito che va riconosciuto".