Al voto! Ma con quale sistema?

20 aprile 2013

20.04.2013 - 15:25

0

e ombre del ritorno alle urne tra breve o entro un annosi allungano sulla legislatura appena iniziata. Tutti concordano sulla necessità di cambiare un sistema elettorale, ormai misconosciuto anche da quelli che nel 2005 l’avevano approvato. Bene. Ma bisognerebbe abbandonare l’illusione degli ultimi venti anni che un nuovo sistema elettorale possa essere la panacea di tutti i maliche affliggono il Paese. E anche fare un bilancio dei due sistemi prevalentemente maggioritari adottati dopo il 1993. E allora Mattarellum e Porcellum hanno realizzato le finalità che avevano promesso? L’unica conseguita prima delle ultime elezioni è l’assetto bipolare del sistema politico. Masi è dato vita ad un bipolarismo all’italiana eterogeneo, coattivo e muscolare, nel quale ci si allea per vincere contro il “nemico” e poi si è incapaci di governare. Un bipolarismo del quale le recenti elezioni hanno certificato il decesso. Si è avuta almeno una riduzione significativa del numero dei partiti? No, perché i piccoli partiti con il Mattarellum hanno imposto propri esponenti come candidati di coalizione nei collegi uninominali e con il Porcellum si sono coalizzati con i più grandi riuscendo così a superare soglie di sbarramento risibili (il 2% o anche meno). È stata garantita la stabilità di governo? Ebbene, in 20 anni abbiamo avuto 11 governi e la favola del presidente del consiglio eletto direttamente dal popolo, oltre ad essere in contrasto con quanto previsto dalla Costituzione, è stata clamorosamente smentita dalla prassi con la frequente formazione nel corso della legislatura di nuovi governi presieduti da un diverso presidente del consiglio. Fino alla formazione di governi tecnici (Dini e Monti) che per la loro composizione non erano certo scaturiti dalle elezioni. Infine, quanto alla scelta diretta dei rappresentanti da parte degli elettori, con il Mattarellum i candidati nei collegi uninominali sono stati indicati dai vertici dei partiti coalizzati e con il Porcellum agli elettori è stata sottratta qualsiasi libertà di scelta grazie alle liste bloccate e ampie, che consentono ai vertici di partito di nominare gli eletti. E allora, visto il fallimento dei sistemi prevalentemente maggioritari, cosa fare oggi di front0e allo sfascio del sistema politico che determina lo stallo di quello istituzionale? Intanto sarebbe indispensabile una circoscritta revisione costituzionale che superi il bicameralismo paritario, trasformando il Senato in Camera delle Regioni e differenziando nei poteri rispetto alla Camera, la quale soltanto voterebbe la fiducia al governo. E che magari riduca il numero dei parlamentari. Quanto al sistema elettorale, è sufficiente abrogare il Porcellum per tornare al Mattarellum? No, perché questo produrrebbe con ogni probabilità coalizioni eterogenee, un alto numero di partiti e nessuna maggioranza. Forse è arrivato il momento di abbandonare la velleità di dare vita a un sistema tutto “italiano”, prescindendo totalmente dalle più significative esperienze europee. Ma a quali bisognerebbe guardare? Non certo al maggioritario all’inglese, nel quale in ogni collegio uninominale è eletto il candidato che prende un voto in più. Con tre forze politiche che hanno un numero di voti pressoché equivalente, sarebbe quasi sicuro lo stallo, come è avvenuto nel Regno Unito nelle elezioni del 2010, che hanno reso necessario un governo di coalizione tra conservatori e liberal-democratici. Non restano che il maggioritario alla francese o il proporzionale alla tedesca. Con il primo in ogni collegio è eletto il candidato che ottiene la maggioranza assoluta dei voti e nei collegi in cui ciò non si verifica si tiene un secondo turno, al quale accedono solo i candidati con un alto numero di voti .È un sistema che favorisce il bipolarismo ed emargina le forze estreme che non concludono alleanze, almeno tra il primo e il secondo turno. Ma a condizione che vi siano due partiti nettamente più forti capaci di aggregare intorno a sé forze minori, requisito inesistente nell’Italia tripolare scaturita dalle elezioni. Il sistema tedesco attribuisce metà dei seggi in collegi uninominali con maggioritario all'inglese, l’altra metà in collegi plurinominali a liste concorrenti, ma sottraendo ai seggi spettanti a ogni lista quelli già ottenuti nei collegi uninominali. Tuttavia per avere eletti con il proporzionale una lista deve superare il 5% dei voti su scala nazionale. E infine l’elettore ha un doppio voto, che gli permette di scegliere un candidato nel collegio uninominale e di votare una lista diversa, dando in questo modo anche una indicazione di alleanza postelettorale. Si potrebbe anche correggerlo con un premio di maggioranza ridotto e legato comunque all’ottenimento di un’alta percentuale di voti. In sostanza il sistema tedesco sarebbe più adatto alla (ri)costruzione di partiti stabili e presenti nella società e di una politica al servizio della comunità. Si può pensare che ciò sia impossibile, ma allora non resterebbe che lasciare campo libero alle avventure demagogiche e populistiche.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Cantano l’inno d’Italia a piazza del Popolo, la protesta dei titolari delle agenzie viaggi

Cantano l’inno d’Italia a piazza del Popolo, la protesta dei titolari delle agenzie viaggi

(Agenzia Vista) Roma, 04 giugno 2020 Cantano l’inno d’Italia a piazza del Popolo, la protesta dei titolari delle agenzie viaggi I titolari delle agenzie viaggi e gli operatori turistici hanno manifestato a Piazza del Popolo a Roma per chiedere sostegno al Governo. La manifestazione inizia sulle note dell’inno d’Italia. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Boris Johnson agli italiani: "Come back, siete i benvenuti" SOTTOTITOLI

Boris Johnson agli italiani: "Come back, siete i benvenuti" SOTTOTITOLI

(Agenzia Vista) Londra, 04 giugno 2020 Boris Johnson agli italiani: "Come back, siete i benvenuti" "Quello che dico mai nostri amici Italiani, che vivono e lavorano nel Regno Unito e vogliono tornare indietro, dico: tornate. 'Siete tutti benvenuti’, tornate a Londra e nel Regno Unito ma avete la quarantena. Siamo tutti stati in lockdown per lungo tempo, so che è un’imposizione, ma dobbiamo ...

 
Titolari agenzie viaggi manifestano a Roma: “Settore bloccato, Governo ci aiuti”

Titolari agenzie viaggi manifestano a Roma: “Settore bloccato, Governo ci aiuti”

(Agenzia Vista) Roma, 04 giugno 2020 Titolari agenzie viaggi manifestano a Roma: “Settore bloccato, Governo ci aiuti” I titolari delle agenzie viaggi e gli operatori turistici hanno manifestato a Piazza del Popolo a Roma per chiedere sostegno al Governo. “Il settore è bloccato, Governo ci aiuti” così spiega Lino Pirro della Associazione Italiana Distribuzione Turistica. Fonte: Agenzia Vista / ...

 
Stasera in tv 4 giugno "Alessandro Borghese 4 Ristoranti": a Milano per il miglior brunch

TELEVISIONE

Stasera in tv 4 giugno "Alessandro Borghese 4 Ristoranti": a Milano per il miglior brunch

Stasera in tv 4 giugno va in onda la settima puntata della sesta stagione di "Alessandro Borghese 4 Ristoranti" (Sky Uno ore 21,15). Lo chef romano nato a San Francisco cerca ...

04.06.2020

Stasera in tv 4 giugno un altro episodio della serie "New Amsterdam"

TELEVISIONE

Stasera in tv 4 giugno un altro episodio della serie "New Amsterdam"

Stasera in tv 4 giugno appuntamento con la serie "New Amsterdam" (Canale 5, ore 21, 20). Si trappa dell'episodio dieci della seconda stagione. La trama: le detenute di Rikers ...

04.06.2020

Stasera in tv 4 giugno il film "Il cosmo sul comò" con Aldo, Giovanni e Giacomo. Appuntamento su Italia 1

TELEVISIONE

Stasera in tv 4 giugno il film "Il cosmo sul comò" con Aldo, Giovanni e Giacomo. Appuntamento su Italia 1

Stasera in tv 4 giugno va in onda il film "Il cosmo sui comò" (Italia 1 ore 21,30). La pellicola è del 2008, la regia di Marcello Cesena, nel cast Aldo Baglio, Giovanni ...

04.06.2020