Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Una targa per "nonna" Luisa Zappitelli

Claudio Bianconi
  • a
  • a
  • a

La “nonna” di tutti i tifernati orgoglio di un'intera comunità. I riflettori si sono accesi di nuovo su Luisa Zappitelli, 105 anni il prossimo 8 novembre domenica sera 11 settembre a conclusione della tradizionale “Tre giorni di Montedoro”, la festa rionale nel popolare quartiere di San Pio X, che ha voluto tributare alla illustre concittadina un riconoscimento ufficiale alla presenza del sindaco, Luciano Bacchetta e del presidente della società rionale, Fabio Castellani, di fronte al pubblico delle grandi occasioni. “La signora Luisa è divenuta simbolo e orgoglio di una intera comunità a cui ad ogni occasione dichiara di essere fiera di appartenere dimostrando uno straordinario senso civico e attaccamento ai valori e alle regole della convivenza comune in occasione per esempio degli appuntamenti elettorali che ha onorato dal dopoguerra ad oggi andando sempre a votare. Il quartiere, dove da anni si è stabilita con la propria famiglia le ha voluto giustamente tributare un riconoscimento nell'ambito della festa delle famiglie e di quanti, come me, in questo rione hanno vissuto gran parte della loro vita, non dimenticando mai le proprie origini, gli affetti, le persone e l'evoluzione nel tempo di una comunità”. E' quanto dichiarato dal sindaco Luciano Bacchetta al momento della consegna di una targa ricordo e di un mazzo di fiori alla signora Luisa Zappitelli (accompagnata dai figli Anna e Dario Ercolani) più arzilla che mai, sempre con la battuta pronta ed una memoria di ferro nel ricordare momenti di vita, di lavoro e di relazioni di quasi un secolo fa. “Sono contenta di essere qui in mezzo a voi nel mio rione, con la famiglia, nella città che mi ha regalato in tutti questi anni momenti belli e situazioni difficili che però con sacrificio e tanto impegno abbiamo superato. A questa festa c'e' tanta gente che mi saluta e mi vuole bene: grazie a tutti e appuntamento al prossimo anno”, ha dichiarato “nonna” Luisa, sollecitata dal sindaco al momento della consegna del premio.