Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Indagini col luminol nel casolare del delitto: emersi elementi "interessanti"

Andrea Niccolini
  • a
  • a
  • a

Comincia a prendere forma ora dopo ora il puzzle investigativo sulla morte di Anna Maria Cenciarini, uccisa a coltellate lunedì mattina a Città di Castello, in località Varesina. GUARDA la gallery I carabinieri sono tornati a scandagliare il luogo del delitto nella giornata del 30 dicembre: per il momento la Scientifica ha focalizzato l'attenzione sul circondario del casolare, dall'immediato esterno fino a zone più distanti, e sarebbero emersi "elementi interessanti" che inducono ad approfondire gli accertamenti anche all'interno. Utilizzato anche il "luminol", sostanza capace di evidenziare tracce di sangue anche dopo un'eventuale ripulitura. Nei prossimi giorni dunque i carabinieri effettueranno approfondite analisi col luminol anche all'interno dell'abitazione. LEGGI Lesioni sul corpo di Anna Maria Intanto l'autopsia, eseguita nella giornata di mercoledì 30, evidenzierebbe incompatibilità tra l'ipotesi del suicidio e i fendenti inferti al corpo di Anna Maria Cenciarini. LEGGI Incredulità tra gli amici di Federico LEGGI Al mattino un selfie su Instagram