Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arriva Tiferno eat, il cibo di strada è una prelibatezza locale

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

Il cibo di strada, meglio noto come street food, debutterà in centro storico durante il fine settimana nella due giorni dedicata i sapori e alla valorizzazione dei prodotti tipici locali. Un'edizione quella di "Tiferno Eat" molto "local" che metterà al centro i protagonisti assoluti della gastronomia umbra. Dal sedano al vinsanto, dal mazzafegato alla fagiolina grazie alla partecipazione di tutti presidi regionali dello Slow Food (la Roveja di Civita di Cascia, il Cicotto di Grutti, il Mazzafegato dell'Alta Valle del Tevere, il Sedano Nero di Trevi, la Fagiolina del Trasimeno, la Fava Cottora dell'Amerino e il Vinosanto affumicato dell'Alta Valle del Tevere). Gli stand verranno aperti sabato 24 ottobre alle 11 mentre alle 16 è previsto l'inizio delle dimostrazioni di molitura ed assaggio. Seguirà, nell'area conferenze di piazza Fanti il convegno della triade religiosa, "Vino, olio e grano, sacro e profano tra emozioni e nutrimento". Domenica "Tiferno Eat" aprirà i battenti alle 9 e proseguirà per l'intera giornata, proponendo alle 18 nell'area conferenze di piazza Fanti un incontro con Karima Moyer, l'autrice di "Chewing the fat" ("Masticare il grasso" che in americano significa fare due chiacchiere) sul suo lavoro editoriale dedicato alla storia orale del mondo del cibo. Oltre al grande stand di piazza Matteotti per la somministrazione del cibo di strada di qualità e le aree tematiche, per tutta la giornata in largo Gildoni sarà allestito il Mercato della terra Food che porterà in piazza i piccoli produttori del territorio e i produttori dei Presidi Slow Food dell'Umbria.