Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coltello alla gola della tabaccaia per rubare pochi euro

Indagini della polizia

Sandra Biscarini
  • a
  • a
  • a

Puntano un coltello alla gola della proprietaria di una tabaccheria per farsi consegnare l'incasso della giornata. Attimi di autentico terrore mercoledì sera nel quartiere “La Tina” a Città di Castello. Approfittando dell'imminente chiusura dell'esercizio (mancava una manciata di minuti alle 20) e forse sperando di non trovare nessuno all'interno a eccezione della titolare, due balordi con volto parzialmente coperto sono entrati all'interno puntando dritti verso la cassa. A questo punto, uno dei due ha tirato fuori un'arma da taglio, sembrerebbe un piccolo coltello, indirizzandolo alla gola della proprietaria e intimandole di consegnare l'incasso della giornata. E' stato allora che la coppia di banditi ha scoperto di non essere sola. La scena si è infatti consumata davanti agli occhi esterrefatti di alcuni clienti della tabaccheria, ma la rapina è finita diversamente da come i due si immaginavano. Non è chiaro se la donna o qualche altro avventore abbiano fatto resistenza o se i due malviventi siano stati presi dal panico temendo che di lì a poco sarebbe entrato qualcuno o che le grida e la reazione dei clienti potessero in qualche modo degenerare mandando in fumo i loro piani. Fatto sta che, pochissimi minuti dopo il loro ingresso, i due hanno preferito darsi alla fuga in tutta fretta dileguandosi per le vie del quartiere non prima, però, di aver arraffato la borsa di una cliente. Per la coppia di balordi il bottino è stato misero visto che sembra che la signora avesse con sé pochi spiccioli. Grande, invece, lo spavento a cominciare dalla proprietaria della tabaccheria, che appena ripresasi dallo choc ha chiamato il centralino della polizia. Secondo le prime testimonianze i due potrebbero essere giovani stranieri.