Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Truffatori professionisti per i bar del centro storico

default_image

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

Tre truffatori professionisti fermati dai carabinieri e proposti per il divieto di ritorno. Tre pugliesi sono stati fermati dai carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia Città di Castello e della stazione. Secondo quanto riferito dalla compagnia, un tifernate ha segnalato la presenza di quattro strani individui che si aggiravano per i bar del centro storico. Così i carabinieri in borghese hanno individuato tre di loro e li hanno tenuti d'occhio per un po' in attesa di individuare anche il quarto del gruppetto. Quando sono saliti a bordo di un'auto sono stati fermati e portati in caserma. Dai documenti è emerso che tutti, di età compresa tra i 38 e i 56 anni, sono già conosciuti alle forze dell'ordine per reati vari e, in particolare, per truffe, bancarotta fraudolenta e falso. I tre hanno riferito di essere arrivati a Città di Castello solo alcune ore prima del controllo per una breve tappa turistica prima di rientrare in Puglia dopo un viaggio di lavoro al nord. La perquisizione dell'autovettura ha permesso però di rinvenire una ricevuta da cui è emerso che erano arrivati almeno il giorno precedente e avevano pernottato in un albergo del centro. La loro versione, unita al fatto che tutti smentivano la presenza di un quarto uomo, lascia ipotizzare che il gruppetto si trovasse in Alto Tevere per commettere delle truffe. Per questo è stata richiesta l'adozione della misura di prevenzione del divieto di ritorno nel Comune di Città di Castello. Sempre nell'ambito delle attività di prevenzione dei reati, lunedì 12 maggio a Umbertide i militari dell'aliquota radiomobile hanno fermato un 26enne del posto. Il ragazzo, ben conosciuto perché più volte arrestato e denunciato per furto, si aggirava tra le autovetture parcheggiate nei pressi della stazione ferroviaria. Portato in caserma e perquisito, è stato trovato in possesso di una modica quantità di hashish. Per tale motivo è stato segnalato alla Prefettura di Perugia quale assuntore di stupefacenti.