Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Bullismo in treno, arrestati 5 minorenni

default_image

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

I poliziotti del commissariato di Città di Castello hanno eseguito l'ordinanza dell'obbligo di permanenza in casa (l'equivalente degli arresti domiciliari) per cinque minorenni. Le misure cautelari, tutte eseguite ad Umbertide, sono il risultato di un'accurata ed elaborata attività d'indagine durata circa due mesi, nei confronti di un gruppo di giovanissimi, due italiani e tre extracomunitari, che si comportavano come una baby gang. Da tempo la “banda” terrorizzava i coetanei tra Umbertide e Città di Castello, preferendo quale luogo delle proprie angherie il treno che trasporta gli studenti pendolari sulla direttrice Umbertide-Sansepolcro. L'indagine è nata da un referto medico emesso dal pronto soccorso del nosocomio di Città di Castello, nel quale ad un ragazzo, appena maggiorenne, sono state riscontrate alcune lesioni ed ecchimosi a seguito di una caduta presumibilmente avvenuta scendendo dal treno. In realtà la caduta non sarebbe stata accidentale, ma volontariamente procurata da alcuni ragazzi. Viene quindi sentito l'interessato, che ammette di essere stato vittima del comportamento scellerato di alcuni coetanei dediti a comportamenti di bullismo. Dalle indagini successive si scopre che la baby gang è composta da cinque ragazzi. L'indagine si arricchisce delle denunce sporte da un dirigente di Umbria Mobilità e da addetti delle ferrovie, in merito ad alcuni danneggiamenti all'interno dei treni e da una situazione di sofferenza per viaggiatori e studenti costretti ad assistere e subire atti di puro vandalismo e soggezione psicologica. Accertati comportamenti violenti, soprusi, prevaricazioni, sputi e insulti nei confronti anche di alcune ragazze minorenni. Il pm della Procura per i minori di Perugia Flaminio Monteleone ha chiesto quindi e ottenuto dal gip l'emissione dei provvedimenti di custodia cautelare. Durante la perquisizione domiciliare a casa di uno dei minorenni, sono stati trovati 2,2 grammi di ectasy già divisi in sei dosi, due bilancini di precisione e una pastiglia di subotex, un oppiaceo.