Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Tentano la truffa dello specchietto rotto, denunciati due campani

default_image

I due stavano facendo credere a un'anziana di aver danneggiato la loro auto con una manovra azzardata, per poi consigliarle il risarcimento in loco, senza assicurazione

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Il personale della volante del commissariato di Città di Castello ha denunciato in stato di libertà due soggetti di origine campana che attraverso il modus operandi dello “specchietto retrovisore dell'auto”, cercavano di truffare ignari cittadini. I due, intercettati dalla volante nei pressi di un centro commerciale, avevano già individuato la vittima della truffa, una donna tifernate di 77 anni conducente una piccola utilitaria; alla stessa era stato fatto credere che avesse, con una manovra azzardata, infranto lo specchietto retrovisore dell'auto dei due truffatori; in conseguenza di ciò i due consigliavano di risarcire in loco il danno, evitando i futuri aumenti di polizza assicurativa. Colti in flagranza, A.S. di 41 anni e G.R. di 37, entrambi pluripregiudicati, venivano identificati, accompagnati in commissariato e sottoposti a rilievi foto-segnaletici, procedendo con la denuncia.