Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Costanza Laliscia fa lezione alla elementare "Comparozzi" di Perugia

Costanza Laliscia, campionessa di Endurance equestre

Lorenzo Fiorucci
  • a
  • a
  • a

Da studente a studenti è tutto più facile. Per informazioni basta chiedere ai ragazzi dei plessi di via Magnini e di Santa Lucia della scuola elementare Comparozzi di Perugia, che hanno seguito la lezione molto particolare di una "insegnante" molto particolare. A parlare loro di sport, cavalli, valori e piacere di ottenere risultati è stata Costanza Laliscia, bicampionessa italiana assoluta di endurance, prima del ranking mondiale young riders 2016, bicamponessa italiana young riders e vincitrice con l'Italia di una medaglia di bronzo e due medaglie d'argento a squadre agli Europei. Per la 18enne amazzone di punta del Fuxiateam – impegnata nell'ambito del progetto "Campioni in cattedra" del Coni umbro - è stata una mattinata indimenticabile. Trovarsi a firmare decine di autografi e rispondere a un autentico fuoco di fila di domande è stato emozionante, grazie alla curiosità e all'entusiasmo dei ragazzi che ora svilupperanno in classe un lavoro specifico con le proprie insegnanti. Hanno scoperto il mondo dei cavalli e quanto lo sport sia una grande occasione per crescere. Hanno fatto la conoscenza non solo con una di loro, una studentessa al quinto anno del liceo scientifico Galeazzo Alessi di Perugia che riesce a conciliare con successo studio e sport ad altissimo livello, ma anche con un animale fantastico. La "lezione" si è sviluppata su due piani: da una parte il cavallo, il suo ruolo da protagonista nella storia dell'umanità e la sua importanza nello sport dell'endurance; dall'altra l'esperienza sportiva di Costanza, che già a 9 anni vinse il suo primo campionato italiano endurance Pony. La giornata vissuta fra i ragazzi della “Comparozzi” è stata anche l'occasione per sviluppare, da parte di Italia Endurance Stables & Academy, per portare avanti il proprio progetto di diffusione dell'endurance nel mondo della scuola, fra coloro che potranno essere i cavalieri e le amazzoni del futuro scoprendo e apprezzando il fascino di un rapporto speciale come quello che può instaurarsi con il cavallo. Con i ragazzi della Comparozzi, Costanza ha parlato anche di ciò che le ha insegnato lo sport a cominciare dal rispetto, dalla condivisione, dal coraggio, dalla lealtà, dalla tenacia e dall'opportunità di crescere che ogni sconfitta porta con sé. “Mi hanno regalato una giornata fantastica – confessa la giovane campionessa perugina – ed è stato bellissimo condividere le nostre passioni e i valori dello sport. Abbiamo parlato delle attenzioni che ogni cavaliere deve avere per il proprio cavallo, ma anche del legame particolare che ho con il numero 8, il mio preferito. Curiosità allo stato puro, la loro, che spero di aver soddisfatto. Mi hanno dato una carica speciale e non aspetto altro che la prossima vittoria per dedicargliela”. “E' da tre anni – spiega il presidente del Coni regionale, Domenico Ignozza - che portiamo avanti questo progetto rivolto alle scuole primarie dell'Umbria per far conoscere le discipline sportive e sensibilizzare sempre più i ragazzi sui valori positivi dello sport. ‘Campioni in Cattedra' è infatti un incontro tra giovani e siamo particolarmente onorati di avere come testimonial Costanza Laliscia perché rappresenta per l'Umbria e per l'Italia un esempio per i tanti successi ottenuti, per quelli che otterrà e per la grinta che ha saputo trasmettere ai nostri ragazzi”. Il messaggio di Costanza è stato diretto: "Lo sport mi sta dando tantissimo e mi aiuta ad affrontare meglio anche la quotidianità, riesco a organizzare la mia giornata senza rinunciare agli amici e allo svago e posso conoscere a fondo le mie potenzialità. Se tornassi indietro rifarei tutto quello che ho fatto, anche perché è grazie allo sport che sono cresciuta, condividendo la grande passione per i cavalli con la mia famiglia, che mi è sempre vicina e mi aiuta in ogni momento”.