Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Bottiglia in faccia all'arbitro, sputi e giocatore fermato due anni: le squalifiche

Tommaso Ricci
  • a
  • a
  • a

Ancora episodi di violenza sui campi dei dilettanti dell'Umbria e ancora tanto lavoro per il giudice sportivo Marco Brusco che ha dovuto esaminare referti arbitrali particolarmente “caldi”. Nel campionato di Eccellenza, ad esempio, 1000 euro di multa alla Narnese “per aver lanciato in campo una bottiglietta d'acqua piena che colpiva al volto il direttore di gara provocandogli momentaneo dolore - si legge nel comunicato numero 119 pubblicato ieri sera sul sito della Federcalcio umbra -. Inoltre alcuni calciatori della squadra avversaria, mentre effettuavano esercizi di riscaldamento, venivano attinti da sputi lanciati dalla tifoseria locale. Recidiva specifica”. IN SECONDA CATEGORIA Brusco ha usato il pugno duro anche nel sanzionare gli episodi di violenza verificatisi nel corso del match del girone C Pontano-San Luca, sospeso dall'arbitro al 57' sul punteggio di 0-1: partita persa 0-3 a tavolino per la Pontano, 300 euro di ammenda al club (sanzione attenuata per il fattivo intervento, a protezione del direttore di gara, di alcuni dirigenti della Nuova Pontano) e squalifica fino al 28 febbraio 2022 per un suo calciatore. Il motivo lo si legge nella sentenza: “In seguito a un calcio di punizione assegnato al San Luca (...), numerosi tesserati della Nuova Pontano iniziavano a protestare vibratamente contro l'arbitro. Fra questi si distingueva il calciatore numero 17 della Nuova Pontano il quale proferiva frasi irriguardose nei confronti del direttore di gara tanto da venire immediatamente espulso e, alla vista del cartellino rosso, altresì, il giocatore si avventava contro l'arbitro e con un'azione violenta e improvvisa connotata da particolare aggressività, reagiva afferrando l'arbitro in maniera estremamente energica con le mani all'altezza del petto afferrando pelle e maglia a livello del torace provocandogli bruciore e dolore. Nel contempo la protesta di numerosi tesserati della Nuova Pontano proseguiva concretizzandosi in un minaccioso accerchiamento del direttore di gara (che era costretto a fischiare la fine anticipata del match e poi, una volta calmati gli animi e scortato da alcuni dirigenti della Pontano, raggiungeva la propria auto, ndr). Il direttore di gara, in virtù dell'aggressione subita dal calciatore, era costretto a recarsi al Punto di primo soccorso di Narni dove gli veniva diagnosticato un trauma contusivo emitorace sinistro con prognosi di 5 giorni”. IN JUNIORES A1 Multa di 500 euro alla Nestor “perché, effettuata la sostituzione del numero 10 della squadra Olympia Thyrus, quest'ultimo veniva offeso dal pubblico di casa con insulti a sfondo razziale”. Squalificato, poi, per 9 turni un giocatore dell'Angelana “perché espulso al 47' del secondo tempo per doppia ammonizione, spintonava lievemente ed in maniera irriguardosa il direttore di gara senza provocare dolore. Al momento di uscire dal terreno di giuoco pronunciava frase ingiuriosa all'indirizzo dell'arbitro”.