Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Piastra regina del deserto. La perugina vince la 100 chilometri del Sahara

Massimiliano Sfondalmondo e Lorena Piastra

Lorenzo Fiorucci
  • a
  • a
  • a

Lorena Piastra strepitosa. C'è solo un aggettivo per descrivere l'impresa della portacolori della Tx Fitness di Corciano che ha conquistato il deserto del Sahara, vincendo la 19esima edizione della 100 chilometri. Lorena Piastra ha affrontato la sabbia e il caldo africano insieme al compagno di vita e di corsa Massimiliano Sfondalmondo che ha chiuso all'ottavo posto nella classifica assoluta. La sua compagna ha primeggiato fra le donne si è piazzata 11esima assoluta. Una grandissima soddisfazione per la perugina specialista delle maratone e delle corse che superano i 42 chilometri e 195 metri. La 100 chilometri del Sahara è un'ultramaratona che si è svolta nel deserto tunisino. Tre le tappe in programma e altrettante le categorie previste: Runners 100 chilometri, Nordic Walking Sportivo (80 chilometri) e Walkers (50 chilometri). La 100 chilometri ha preso il via dal Campement Zmela Labrissa, che si trova a 20 chilometri a sud dall'oasi di Ksar Ghilane e l'arrivo è stato fissato a ridosso dell'oasi di Douz. “Il programma della 100 chilometri del Sahara 2019” hanno sottolineato gli organizzatori, “è durata 6 giorni e 5 notti, la prima e ultima notte in hote, e 3 notti nei campi tendati nel deserto. Il terreno è caratterizzato da piste desertiche con il fondo compatto, ma con vari attraversamenti di ampie zone di grandi dune di sabbia. Fa parte delle gare a tappe di Zitoway Sport & Adventure in ambiente desertico. A marzo la 100 chilometri du Senegal e a dicembre la 100 chilometri of Namib Desert”. Lorena Piastra e Massimiliano Sfondalmondo hanno corso alla grande le tre tappe. Lorena Piastra ha chiuso la prima di 15 chilometri in 1.34.22, la seconda di 35 in 3.57.40 e la terza di 50 in 6.04.45, per un totale di 11.36.47. La seconda, Marta Guerrero Gil, ha chiuso in 15.36.16. Massimiliano Sfondalmondo ha percorso le tre tappe in 11.03.55 (1.13.53, 3.57.40 e 5.52.22). (Foto dal sito 100 km del Sahara). L.F.