Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Il ternano Tagliavento vittima dei social e delle fake news, ma la Procura non ci casca

L'espulsione di Allegri (LaPresse

Nicola Uras
  • a
  • a
  • a

“Non c'è assolutamente nulla per aprire un'inchiesta”. Questa, secondo quanto si apprende da ambienti della Figc, la posizione della procura federale guidata da Giuseppe Pecoraro in merito ai video circolati dopo il derby d'Italia e con il quarto uomo, il ternano Paolo Tagliavento, protagonista. La procura ha deciso di visionare i filmati, visto il clamore mediatico suscitato dal siparietto nel post-gara tra Tagliavento, 45 anni e dal 2004 in Serie A, e il tecnico bianconero Allegri e alcune ricostruzioni circolate sui social, senza tuttavia riscontrare alcun rilievo per un'inchiesta. Ma come è andata davvero? La realtà è diversa rispetto ad alcune maliziose letture. TAGLIAVENTO STORY Il primo video riprende Tagliavento alla fine del primo tempo (non allo scadere) della partita: si rivolge evidentemente agli altri ufficiali di gara attraverso microfono e auricolare e qualcuno ha fantasticato di un clamoroso “recupero e vinciamo”. In realtà la frase è diversa ed è “col recupero che facciamo?”, e cioè la normale richiesta di chi è incaricato di segnalare con la lavagna luminosa l'entità del tempo di recupero oltre i tempi regolamentari. Il secondo video arriva dalla pancia dello stadio, nella cosiddetta “zona mista”, a partita conclusa. Allegri sta per concedersi a una intervista quando dietro di lui passa - la strada è obbligata - Tagliavento. Secondo la ricostruzione fake che circola sul web direbbe “Taglia, è andato proprio bene eh...?” (riferito a Orsato). In realtà nella versione corretta - avvalorata anche da chi era presente alla scena - Allegri si stava riferendo a sé stesso, e in particolare al momento dell'allontanamento dal campo, dopo il quale l'allenatore non ha fatto una piega. La frase corretta infatti è “Taglia, sono andato proprio bene eh?” accolta col sorriso dall'arbitro ternano, che poi si è allontanato rapidamente.