Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gubbio, Cornacchini cambia tutto: 4-3-3 contro l'Albinoleffe

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Vuol dare una svolta al campionato, guarda avanti, cambia modulo e punta la prua su Bergamo perché convinto che la squadra abbia la forza di scrollarsi di dosso paure e titubanze e abbia la capacità di fare una strambata potente, meglio di Luna Rossa all'America's Cup. Jo Condor ha analizzato nei minimi dettagli le prestazioni della sua squadra. Insieme al suo secondo, Renzo Tasso, ha iniziato a tirare le somme e si sono visti dei mutamenti. Nel modulo, che dal 3-5-2 è tornato al 4-3-3, ma soprattutto si è avvertita la sensazione che sia proprio cambiato il... vento. E che contro l'Albinoleffe il Gubbio, domenica 24 settembre (fischio d'inizio ore 14,30) non andrà per contenere l'avversario, non per subire la manovra dei lombardi ma per andare a cercare di imporre la propria. E sono più d'una le novità che sono state provate con il 4-3-3 che, è bene ricordarlo, è stato il modulo base provato tutta l'estate. Davanti a Volpe tra i pali, la linea a quattro della difesa ha visto all'opera Kalombo a destra e Pedrelli a sinistra con il ritrovato Dierna e Burzigotti cerniera centrale. Quindi il pacchetto dei tre centrocampisti, composto, da Conti intermedio a destra, Giacomarro playmaker e Casiraghi mezzala sinistra. Infine un attacco che sulla carta potrebbe fare scintille con De Silvestro a destra, Jallow sulla fascia di sinistra ma con licenza di accentrarsi e Marchi centravanti.