Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

L'accusa della Terni Est: arbitri contro di noi

Luca Mercadini
  • a
  • a
  • a

Furia Terni Est dopo alcune direzioni arbitrali che, secondo gli esponenti della realtà di via Vulcano, hanno “fortemente penalizzato” il cammino della squadra nel torneo di Prima categoria girone D. “Siamo sconcertati da quello che sta accadendo - dicono il presidente Gianfranco Puglia e il responsabile Prima squadra e Juniores, Federico Locci – Nell'ultimo periodo si sono verificati una serie di episodi arbitrali a nostro sfavore che ci hanno allontanato dalla lotta al vertice. Tutto parte dalla gara contro la diretta concorrente per la lotta al primo posto, l'Oratorio San Giovanni Bosco, dove l'arbitro Di Loreto di Terni, tra l'altro lontano dall'azione, ha assegnato agli avversari un gol inesistente con la palla che non aveva superato la linea di porta. Abbiamo pensato ad un episodio sporadico, qualcosa che nel corso di una stagione ci può stare e quindi non ci siamo lamentati. Ma era solo l'inizio”. I due esponenti del team ternano raccontano di quanto accaduto nella gara di due settimane dopo ad Alviano, dove il signor Amadei di Terni “oltre ad una direzione di gara che nei 90' ci ha penalizzato, non ci ha fischiato due calci di rigore, di cui uno nettissimo e impossibile da non vedere ed ha anche espulso un nostro giocatore per motivi assurdi. Stiamo parlando di un arbitro – spiegano Puglia e Locci – che per motivi di parentela è vicino alla realtà della San Giovanni Bosco e per questo poco adatto a dirigere una gara che vede impegnata una squadra che è diretta concorrente per la vittoria finale come, appunto, la nostra. Non poteva essere sereno”. Ultimo episodio quello di domenica scorsa contro la Real Avigliano: “Altra circostanza a nostro sfavore – dicono presidente e responsabile – un gol regolarissimo ci è stato annullato nei minuti finali di gara per un episodio di gioco che l'arbitro Burlacu di Terni ha completamente stravolto, assegnando la punizione agli avversari. A questo punto non ci stiamo”. Puglia e Locci tirano le conclusioni: “Ci stavamo giocando un campionato e alcuni episodi ci hanno allontanato dal primo posto. Probabilmente chi ci arbitra non è sereno e sembra quasi ce l'abbiano con noi. Vorremmo capire il perchè”.