Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gubbio, Ferretti: "Io resto qui..."

L'esultanza dei rossoblù (foto Simone Grilli)

Luca Mercadini
  • a
  • a
  • a

Sette reti, tre assist, primo nella nostra speciale classifica di rendimento. E come se non bastasse anche il più presente con 18 partite disputate su 18 per un totale di 1687'. Daniele Ferretti, l'oro di Gubbio, non solo ha superato il suo record personale di marcature in una stagione, ma continua a segnare con straordinaria regorità gol impossibili. Dal capolavoro di Fano replica più fortunata dell'incredibile incrocio dei pali colto ad Ancona, all'eurogol di Mantova, fino alla punizione a scavalcare la barriera con il Bassano, clone della pietra miliare posta nel derby dello scorso campionato contro il Gualdo Casacastalda. Un pezzo pregiato del repertorio ferrettiano che, quest'anno, mancava ancora all'appello nello strepitoso museo del gol made in Ferretti. Che, però, sarebbe ingiusto ridurre tutto al solo gesto, seppur straordinario, del gol. Daniele Ferretti, da Roseto degli Abruzzi, è molto di più. E' impegno costante e sacrificio continuo a supporto della squadra, è uomo assist, è quello che tutti gli allenatori avversari definiscono il pericolo numero 1, salvo poi cadere regolarmente nella trappola ordita dal “Magnifico 7”. Che, proprio per il suo talento, non poteva passare inosservato. Ecco, allora, una ridda di voci infittirsi nel panorama sempre più variegato di un mercato ancora non iniziato ufficialmente, ma già gridato. Ecco, allora, la voce ripetuta, ma tutta ancora da confermare, di un interessamento per Ferretti da parte di club blasonati desiderosi di risalire la china o comunque di trovare la via di una promozione sicura in serie B. Vere o false che siano, a fare chiarezza ci ha pensato lo stesso Ferretti: “La mia è stata una scelta di vita, ho due anni di contratto con il Gubbio e intendo onorarli nel migliore dei modi anche perché in rossoblù mi trovo benissimo”. Poi è chiaro, se dovesse arrivare una maxi offerta...ma Lega Pro per Lega Pro, Ferretti non si muove. E in ogni caso il Gubbio sarebbe pronto a far valere le sue ragioni.